lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di GABRIELE BAZZOLI 29 mar 11:42

Dettofatto: ecco il grest 2017

Presentati a Casa Foresti i contenuti del grest 2017 dedicato al creato sulla scia delle riflessioni della Laudato Si' di Papa Francesco

“Se prendo le ali dell'aurora per abitare all'estremità del mare, là mi guida la tua mano e mi afferra la tua destra. Sei tu che hai formato i miei reni e mi hai tessuto nel grembo di mia madre. Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda; meravigliose sono le tue opere”. Le parole del salmista danno voce all’emozione di ogni bambino e di ogni uomo che guarda alla vita e al creato con stupore. Sono parole di meraviglia e di lode: da queste parole, dalla gratitudine per il mondo che viviamo, prende il via il Grest 2017, dedicato proprio al creato, sulla scia delle riflessioni della Laudato Si' di Papa Francesco. Dio dice e il Creato si fa (detto-fatto): la luce è separata dalle tenebre, il cielo dalla terra e la terra dalle acque. Dio dice ed ecco i grandi lumi del cielo, la vegetazione, gli animali e l’uomo. E “quanto aveva fatto, era cosa molto buona”.

Come sempre il tema è l’occasione per tradurre con gli animatori e i bambini, alcuni contenuti importanti dal punto di vista educativo: attraverso il gioco, i canti e i bans, la preghiera, il lavoro di gruppo, i laboratori espressivi. Durante la presentazione del Grest, vissuta a Casa Foresti mercoledì 29 marzo (sia al mattino che la sera alle 20:30) i contenuti accennati e i materiali offerti per la sussidiazione e la preparazione dei grest parrocchiali sono stati illustrati e spiegati a sacerdoti, coordinatori e responsabili. Dal punto di vista educativo il percorso pensato all’interno del progetto “Dettofatto” è scandito da quattro tappe, che corrispondono ad altrettanti elementi del creato: la prima – che corrisponde all’elemento della terra - è coltivare la riconoscenza, imparare a dire grazie. La seconda tappa, richiamata dall’elemento dell’acqua, è la sobrietà, la capacità di cogliere l’essenziale: chiedersi, per ogni cosa, ogni oggetto, ogni risorsa che usiamo se ne abbiamo davvero bisogno.

La terza tappa è prendersi cura dei legami con le persone che abbiamo vicino – metterci in relazione. L’elemento che accompagna questo passaggio è l’aria, che tutti respiriamo, che transita dai nostri polmoni a quelli di chi ci è vicino senza la possiamo fermare. La quarta tappa, infine, è un invito a ricordarsi che non siamo mai da soli in questo compito, e che è importante saper lavorare insieme, costruire comunità e comunione: è simbolicamente rappresentata dal fuoco, da sempre luogo attorno al quale si incontrano gli uomini. I materiali predisposti per avventurarsi in questo percorso da parte dell’Ufficio per gli Oratori, i Giovani e le Vocazioni e da ODL sono molteplici: dal sussidio – guida, che contiene un’ampia sezione dedicata alla preparazione degli animatori (la “Palestra animatori”) oltre che, come di consueto, la traduzione degli obiettivi per fasce d’età, la storia, i giochi ed i laboratori e una sezione dedicata ai Grest per bambini della scuola dell’infanzia; al cd multimediale (con canti, danze, bans, suonerie per cellulare…); dagli strumenti per la preghiera degli animatori e dei bambini a manifesti e gadget. La presentazione è stata anche un’occasione importante per segnalare i molti appuntamenti formativi offerti alle parrocchie in vista dei Grest: dal corso Coordinatori a quello di Progettazione, dal Grestival al corso residenziale “Sai Fischiare?”. Il percorso verso il Grest può cominciare. Detto. Fatto.

GABRIELE BAZZOLI 29 mar 11:42