Il nuovo cammino d'iniziazione cristiana [La Voce del Popolo]
La Voce del Popolo
Facebook Twitter FeedRss Issuu Newsletter Youtube
Vuoi commentare questa notizia?
Scrivi a  Cara Voce...
I messaggi più interessanti, scelti dalla redazione, troveranno spazio sul sito e sugli altri media diocesani.

 Voce Media Pubblicità »»

Fai girare la Voce

Il tuo nome

la tua e-mail

Un amico

la sua E-mail

 

 

Radio Voce

     home  torna indietro  stampa   22 November 2010
Diocesi
Il nuovo cammino d'iniziazione cristiana  
Sabato 20 novembre, presso il Pala Brescia, si è tenuta una giornata di riflessione sul cammino di iniziazione cristiana, già avviato nel 2004. Un momento d’incontro e riflessione per individuare quali possano essere le nuove direttive per il cammino di adolescenti e giovani.

 Ascolta il contributo audio
Il commento di don Renato Tononi
Scarica il file audio

Fotografia Don Renato Tononi

 

Condividi la notizia

Brescia.  Sabato 20 novembre, presso il Pala Brescia, si è tenuta una giornata di riflessione sul cammino di iniziazione cristiana, già avviato nel 2004. Un momento d’incontro e riflessione per individuare quali possano essere le nuove direttive per il cammino di iniziazione cristiana di adolescenti e giovani.

“In alcune zone è già terminato il percorso d’iniziazione cristiana del 2004 - afferma don Renato Tononi, vicario episcopale per la pastorale e per i Laici – Abbiamo cercato di rispondere alla domanda: cosa si può offrire ora nel cammino d’iniziazione cristiana ad adolescenti e ai giovani?
Ciò che ci ha preoccupato di più è progettare il “dopo” iniziazione cristiana. È fondamentale il coinvolgimento dei genitori: molte volte si pensa che i genitori debbano stare da parte nel cammino d’iniziazione cristiana dei figli. Invece no, il ruolo del genitori non è un ruolo marginale ma determinante, anche se ora deve essere affrontano con nuove modalità, perché non si tratta di fanciulli ma di adolescenti. I tempi sono già maturi, per vedere applicate queste nuove riflessioni. Ogni singola unità pastorale nelle comunità dovrà individuare educatori e figure di riferimento per le nuove ipotesi di lavoro. La diocesi, infatti, organizza, un corso biennale di formazione per aspiranti catechisti, giovani o adulti. Gli uffici della Curia sono disposti ad andare ed elaborare ogni singola situazione parrocchiale in loco, per adempiere alla missione di educatore di giovani ed adolescenti”.

di G.D.M.  


audiolink Il commento di don Renato Tononi



Vuoi commentare questa notizia? Scrivi a  Cara Voce...
I messaggi più interessanti, scelti dalla redazione, troveranno spazio sul sito e sugli altri media diocesani.