lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di REDAZIONE 21 feb 10:28

Aral, nuove sfide per il 2020

Ascolta

Al meeting della forza lavoro ARAL sono stati fissati gli obiettivi per l'anno nuovo: al primo posto l'impegno di migliorare il reddito degli allevatori

“Tutto ciò che facciamo deve avere l'obiettivo di migliorare il reddito degli allevatori: è l'impegno al quale la nostra associazione è legata a partire dallo statuto”. Questo il messaggio lanciato dal presidente Plinio Vanini al meeting della forza lavoro ARAL (Associazione Regionale Allevatori Lombardi), riunita nei giorni scorsi al Centro Fiera del Garda di Montichiari per esaminare i risultati dell'attività svolta nel corso del 2019 e fissare gli obbiettivi per il nuovo anno. Tante le sfide affrontate dopo la conclusione del non facile processo di riorganizzazione che ha portato le diverse realtà provinciali a confluire in un unico organismo di riferimento per il comparto allevatoriale lombardo: tanto per cominciare, i soci sono aumentati di un migliaio raggiungendo quota 6700, di cui più di 3500 con Controlli Funzionali, per un totale di 614 mila fattrici controllate. Intensa l'attività di formazione, in collaborazione con Aia, per i controllori e sulla valorizzazione del conteggio delle cellule differenziali. L'associazione ha ripreso ad investire in attrezzature per controllori e laboratorio, tra cui 6 prelevatori per robot di mungitura e 35 tra auto e furgoni. Non sono mancate nuove assunzioni, per un organismo attualmente coinvolto in ben 27 progetti sui temi dell'innovazione, della sostenibilità ambientale, della sicurezza alimentare, dell'utilizzo del farmaco in allevamento.

Per il futuro, il presidente Vanini ha evidenziato come gli obbiettivi primari perseguiti dall'ARAL coincidano di fatto con quelli alla base della nuova PAC 2020-2027. È stato caratterizzato che i dati della qualità del latte e le iscrizioni ai registri anagrafici sono indispensabili per ottenere importanti sostegni al reddito per gli allevatori. Inoltre, l'attività di assistenza di ARAL consiste nel dare all'azienda le informazioni necessarie per fare le scelte migliori, adattarsi all'ambiente economico e sociale ed aumentare la forza competitiva non solo della singola stalla ma dell'intero sistema. E poi benessere, sicurezza alimentare, contrasto all’antimicrobico resistenza. “Dobbiamo impegnarci sempre più a fondo – ha detto Vanini – per dimostrare alle filiere ed al consumatore che i dati dimostrano in modo scientifico la validità delle nostre produzioni anche sotto il profilo di tematiche che oggi sono oggetto di grande interesse da parte dell'opinione pubblica: sono sicuro che potremo vincere anche questa scommessa perché la principale ricchezza di ARAL sta soprattutto nella capacità di cogliere le sfide e rispondere alle esigenze che i nostri allevatori devono affrontare quotidianamente”.

REDAZIONE 21 feb 10:28