lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 28 mag 08:36

Costruire qualità per vivere meglio

Sabato 29 maggio, su piattaforma telematica per garantire la sicurezza dei partecipanti data la situazione sanitaria ancora in fase delicata per via della pandemia da Covid-19 e in modalità privata riservata agli associati, si tiene l’Assemblea generale di Ance Brescia. A partire dalle 10.30, si succederanno gli interventi del presidente dell’Associazione dei Costruttori, l’ingegner Massimo Angelo Deldossi che presenterà una relazione dal titolo “Costruire Qualità per vivere meglio”, del presidente di Eseb, geometra Paolo Bettoni e di Cape, geometra Raffaele Collicelli. L’appuntamento è stato presentato con una conferenza stampa nella sede di Ance Brescia, in via Foscolo 6 in città, alla presenza, oltre che dei citati tre presidenti delle realtà del Sistema Ance – Ance Brescia e gli enti bilaterali Cassa assistenziale paritetica edile, Cape, ed Ente sistema edilizia Brescia, Eseb – dei vicepresidenti di Ance Brescia, Primo Ider e Fabio Rizzinelli, unitamente al direttore generale, Alessandro Scalvi e al direttore delle relazioni esterne, Adriano Baffelli.

Come consuetudine, l’Assemblea dell’Ance, seconda organizzazione del settore per numero di imprese iscritte e per rilevanza d’Italia, diviene anche un utile momento per definire lo stato dell’arte del settore, oggi più che mai centrale per la ripresa economica e sociale del Paese. A tal proposito le indicazioni anticipate dal presidente Deldossi sono improntate a un futuro immediato, caratterizzato da molte opportunità per il settore del costruito. “Il Covid ci ha tenuti per oltre un anno forzatamente imprigionati e ci ha costretti a rivedere il nostro sistema casa, la nostra vita e il nostro lavoro. Cambiamenti che lasciano presagire un ruolo specifico per il nostro settore. Ad esempio, nel recente periodo il mercato immobiliare ha registrato un significativo dinamismo – in parte per effetto di provvedimenti fiscali, Superbonus in testa – che rincuora e fa ben sperare per il rilancio del settore e più in generale del Paese. Situazione che dobbiamo coniugare con il termine opportunità!” È uno dei passaggi iniziali di maggior rilievo della relazione del presidente di Ance Brescia. Deldossi invita a guardare con realismo alla situazione, in un momento che a suo dire: “resta difficile, carico di difficoltà ma, allo stesso tempo, ricco di opportunità”, cogliendo per l’appunto gli aspetti positivi che il post pandemia prospetta per la filiera bresciana delle costruzioni, ricordando che sta agli stessi Costruttori saper cogliere le occasioni che si aprono nell’immediato.

Deldossi, che riveste fra il resto anche il ruolo di delegato nazionale Ance per la digitalizzazione ed è vicepresidente nazionale di Federcostruzioni, insiste su un aspetto che considera fondamentale: la necessità di una diffusa qualificazione delle imprese. Nel suo intervento anche il ricordo delle vittime del mondo edile e dei loro familiari, così come di tutte quelle colpite dal virus. Da sottolineare come lo scenario derivante dalla pandemia non condizioni Deldossi e Ance Brescia, che non vestono, a differenza di molti, i panni dell’alibi ben confezionato dalla sorte, ma guardano con sereno ottimismo al rilancio del settore. L’appuntamento assembleare è visto come: “Un bagliore che ci indica la strada da percorrere per risollevare le sorti delle nostre imprese”.

REDAZIONE 28 mag 08:36