lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di GIOVANNI GUT 02 ago 15:39

Dai diritti alle responsabilità

Dal 6 all’8 settembre a Senigallia il tradizionale appuntamento del Movimento Cristiano Lavoratori che pone attenzione a lavoro, comunicazione e rapporti sociali

Dai diritti alle responsabilità. Un nuovo futuro per il Paese”, è il titolo del tradizionale seminario di studi del Movimento Cristiano Lavoratori che si terrà a Senigallia dal 6 all’8 settembre.

Nel corso del seminario verrà approfondito il rapporto tra diritti e responsabilità ponendo attenzione ad alcuni ambiti particolarmente sensibili come il lavoro, la comunicazione e i rapporti sociali. Come mette in evidenza il libro di Alessandro Barbano, viviamo in un’epoca caratterizzata dalla moltiplicazione dei diritti, dalla continua richiesta di nuovi diritti da riconoscere e tutelare.

Viviamo una dinamica per la quale il desiderio diventa pretesa che chiede di essere soddisfatta tramite un nuovo diritto, una dinamica molto pericolosa che rischia di degenerare nell’imposizione del volere di alcune persone o di piccoli gruppi. A questa proliferazione dei diritti non si può contrapporre solamente il grande tema dei doveri in una sorta di balance of power, occorre andare oltre e guardare alla responsabilità. Si tratta di una relazione costante e continua all’interno della società, sia per capire il giusto rapporto tra diritti e doveri, sia, soprattutto, per instaurare una relazione capace di giudicare ciò che è bene e ciò che è male, ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Anche se la tendenza attuale è sempre più quella di lasciare questo “sforzo” di giudizio alle norme e ai nuovi diritti frutto di un rapporto di potere, non ci si può esimere dalla “fatica” di una relazione in cui implicare se stessi e la propria libertà.

Così la responsabilità con cui vivere i rapporti sociali, politici ed economici diventa la possibilità di un nuovo inizio per il Paese. In questo clima di muro contro muro, di rancore diffuso, è necessario riscoprirsi responsabili della casa comune, del bene comune, nel solco di una tradizione che ha segnato in positivo lunghi tratti della nostra storia. Certo non è semplice, la proliferazione dei diritti è una tendenza che investe tutto il mondo ed è un caposaldo della cultura che ci circonda, eppure passare dalla pretesa al confronto, dalla tirannia dei diritti alla libertà della responsabilità significa ridare un futuro, anzi, un presente al nostro Paese. Non è un caso che sia proprio un esponente della società civile come Mcl a porre al centro del dibattito un tema come questo e a sottolinearne l’importanza per superare le tante grandi sfide che ci attendono, perché sono proprio i corpi intermedi – che qualcuno vorrebbe eliminare – i primi luoghi di libertà e democrazia. Un messaggio non solo per chi parteciperà a Senigallia, ma per tutto il Paese.

GIOVANNI GUT 02 ago 15:39