lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Chiari
di REDAZIONE 16 nov 09:16

Coldiretti: doni all'Ospedale di Chiari

In occasione della Giornata del ringraziamento a Chiari un segno di vicinanza, sostegno e disponibilità agli operatori sanitari

Il pane come segno della terra e un cesto di prodotti agroalimentari che raccontano le origini. Questi i doni che una delegazione di giovani imprenditori agricoli di Chiari, hanno portato questa mattina agli operatori sanitari dell’ospedale M.Mellini di Chiari, oggi struttura Covid con cinque reparti attivi: “stiamo vivendo un momento di grande difficoltà – racconta Demetrio Cerea segretario di zona Oglio Franciacorta – il mondo agricolo questa mattina si è riunito per ringraziare il signore dei doni della terra e ha voluto trasmettere un segno di vicinanza e presenza a coloro che continuano, proprio come gli imprenditori agricoli, ad operare in silenzio con impegno, sacrificio e dedizione”.

Questa mattina a Chiari il mondo agricolo di Coldiretti ha festeggiato, in modo ristretto e secondo le indicazioni sanitarie previste, la giornata del ringraziamento con la celebrazione della santa messa, l’offertorio con i cesti e la benedizione di due trattori presenti in piazza. Un momento di riflessione e di condivisione con chi, in questo momento, sta operando al servizio degli altri: “un gesto semplice, del pane e dei prodotti della terra per trasmettere un messaggio di sostegno e coraggio - conclude Demetrio Cerea – particolarmente apprezzato dagli operatori sanitari che in questo momento stanno facendo turni particolarmente impegnativi vista l'eccezionale situazione sanitaria che stanno e stiamo vivendo”.

E’ un momento particolarmente difficile – precisa Coldiretti Brescia – dove azioni di questo tipo sono importanti per aiutare e sostenere il paese, non solo attraverso la solidarietà al sistema sanitario ma anche con azioni di sostentamento per le persone in difficoltà. Basti pensare che nella sola provincia di Brescia sono oltre 30mila i poveri che, con l’aggravarsi della situazione, sono costretti per Natale a chiedere aiuto per il cibo da mangiare nelle mense o soprattutto con la distribuzione di pacchi alimentari: “bisogna velocizzare la presentazione dei bandi per gli aiuti agli indigenti con i 250 milioni stanziati per acquistare cibi e bevande Made in Italy di qualità da distribuire ai nuovi poveri – conclude Massimo Albano direttore di Coldiretti Brescia in riferimento all’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.276 del decreto del Ministero delle Politiche Agricole, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che suddivide lo stanziamento dei fondi dedicati al "Programma annuale di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti”.

REDAZIONE 16 nov 09:16