lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Borgo San Giacomo
di SERGIO ARRIGOTTI 10 lug 12:46

Con San Giacomo per ripartire

Le celebrazioni per il patrono durano tre giorni dal 24 al 26 di luglio. In una delle comunità più colpite dal Covid-19 il desiderio di ripartire

Il 25 luglio si festeggia San Giacomo Maggiore, santo a cui è devota la comunità di Borgo San Giacomo. Da moltissimi anni, grazie ad una organizzazione congiunta tra Parrocchia e Comune, le tradizionali Feste Patronali venivano celebrate in pompa magna, ma quest’anno causa la recente epidemia sarà impossibile organizzarle come era d’abitudine. D’altronde il capoluogo gabianese risulta essere tra le zone della Bassa più colpite dal Coronavirus.

Niente fuochi. Quest’anno quindi niente spettacolo pirotecnico dei fuochi d’artificio, niente danze orientali e neanche la banda civica del paese potrà esibirsi. Ma la devozione al Santo in paese è molto forte, e il richiamo della tradizione altrettanto. Per cui seppur in forma più contenuta le feste patronali si faranno.

Celebrazioni. Le celebrazioni per il patrono dureranno tre giorni: dal 24 al 26 di luglio. Le celebrazioni religiose saranno concentrate sabato 25 luglio, il giorno del Santo: nella chiesa di San Giacomo Maggiore sono previste la santa messa la mattina alle ore 8.30, e la Messa solenne la sera alle ore 18.30. Restano invece ancora chiusi il campanile e l’antico sagrato della chiesa, oggetto proprio in questi giorni di un importante intervento di restauro, interamente finanziato dal contributo a fondo perduto dello Stato.

Il preludio. In realtà i festeggiamenti civili si aprono già domenica 19 luglio con l’inaugurazione al “Centro Diurno Vari…età” alle ore 20.30 della mostra di pittura delle Feste Patronali: una personale di Carla Folli abbinata ad una collettiva di Libere Espressioni di Pittori Gabbianesi. A seguire, nel cortile di via Ferrari, concerto del Quartetto “Inviaggio”, violino, violoncello e chitarre. La mostra resterà aperta fino al 26 luglio.

Tre giorni di spettacoli. Dal 24 al 26 di luglio si terranno invece tre concerti. Venerdì 24 luglio presso il piazzale Gorio si esibirà il gruppo “Funk ap hill funky”; sabato 25 in piazza San Giacomo sarà la volta degli “in-pooh-t” mentre domenica 26 sempre in piazza San Giacomo si terrà l’esibizione di Michele Tomatis in “ Viva Lasvegas”. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.30, il pubblico potrà prendere posto dalle ore 21. Come sempre tutte le serate saranno gratuite per il pubblico.

La ripresa della comunità. Intanto per tutto il mese di luglio l’oratorio in collaborazione con il Comune ha organizzato il grest estivo, così come anche nelle frazioni di Motella e di Farfengo. Da martedì 2 giugno ha riaperto anche il Castello di Padernello, con grande successo di pubblico. Si propongono visite guidate su prenotazione e le “Passeggiate fra arte, storia e natura” oltre alla mostra “Terre in tranche”. Previsti poi per tutto il mese di luglio spettacoli teatrali e musicali. A testimonianza che la comunità non si è piegata, che la voglia di ripartire, di rialzare la testa, di animare l’estate e sentirsi partecipi e attivi è molto forte.

SERGIO ARRIGOTTI 10 lug 12:46