lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Chiari
di SERGIO ARRIGOTTI 14 mar 10:09

Due milioni per crescere ancora

Ascolta

L’istituto Einaudi di Chiari negli ultimi cinque anni ha più che raddoppiato la popolazione scolastica, passando da 800 a 1800 studenti

Una scuola tra le più attive e attrattive della provincia. Una realtà bella, sempre attenta a crescere e a stare dentro i processi formativi e lavorativi del territorio. È l’istituto Einaudi di Chiari che negli ultimi cinque anni ha più che raddoppiato la popolazione scolastica, passando da 800 a 1800 studenti.

Nato come istituto tecnico commerciale e per geometri, l’Einaudi negli anni ha aggiunto anche l’indirizzo turistico, quello sociosanitario e infine quello agrario. Giovedì 7 marzo la scuola è stata visitata dal Presidente della Provincia, Samuele Alghisi, accolto, oltre che dalla preside, dal sindaco Massimo Vizzardi, dal vicesindaco Maurizio Libretti e dai ragazzi del Consiglio d’istituto e della Consulta degli studenti di Brescia.

Una macchina in movimento. “Se penso ad una metafora per definire il nostro istituto – ha sottolineato la dirigente Vittorina Ferrari – possiamo definirlo una macchina in movimento e alla continua ricerca di innovazione”. Una spiegazione ben giustificata dalla diversificazione degli indirizzi messa in atto dalla scuola, dagli intrecci con il territorio, con il mondo dell’economia e con quello del sociale. Partecipazione a progetti, a scambi, a convegni e a percorsi sono all’ordine del giorno. E fanno della scuola una dei primi istituti per risultati, qualità e quantità della provincia.

L’ampliamento della struttura. L’ultimo progetto, pensato fianco a fianco con l’Amministrazione comunale che ha sempre sostenuto e accompagnato la scuola nell’introduzione dell’indirizzo agrario, è l’ampliamento della struttura. Che costa due milioni di euro. Ma che si farà. Lo ha promesso il presidente della Provincia Alghisi che ha ufficializzato lo stanziamento della provincia di un milione e trecentomila euro. Lo hanno sottolineato sindaco e vicesindaco, che hanno ricordato come il Comune abbia ceduto alla Provincia ad un prezzo calmierato il terreno retrostante la scuola (prima a destinazione commerciale) permettendo così all’Einaudi di crescere. “Una scelta lungimirante e ad ampio respiro” l’hanno definita Vizzardi e Libretti, a favore della scuola “vero orgoglio clarense” per formare al meglio i giovani che saranno i lavoratori, i cittadini e la classe dirigente del domani. Il presidente Alghisi, complimentandosi con la scuola ha dichiarato di “comprendere la necessità di crescere e di ammirare la caparbietà di voler crescere”. E si è impegnato a lavorare per far sì che all’istituto si possa dare un ulteriore aiuto per la realizzazione di questo grande obiettivo. Si realizzerà così il sogno di rendere la scuola ancora più rispondente alle necessità formative del territorio e del mondo del lavoro.

SERGIO ARRIGOTTI 14 mar 10:09