lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di LUCIANO FEBBRARI 22 gen 00:00

Fabula Mundi vi spiega i conflitti

“I fronti della terza guerra mondiale” è il titolo della quinta edizione del corso di geopolitica Fabula Mundi, organizzato dall’associazione Ipsia onlus Brescia, in collaborazione con le Acli provinciali. Il primo appuntamento (introduttivo) è con “Lo stato nazionale in declino?” in programma martedì 3 febbraio

Nel mondo, oggi, sono presenti 65 conflitti, di cui spesso non sappiamo nulla. “I fronti della terza guerra mondiale” è il titolo della quinta edizione del corso di geopolitica Fabula Mundi, organizzato dall’associazione Ipsia onlus Brescia, in collaborazione con le Acli provinciali. L’acuta osservazione di papa Francesco di un terzo conflitto mondiale in via di svolgimento (ma a pezzetti) risulta sempre più convincente. Il Medio Oriente disegnato dall’accordo Sykes-Picot del 1916 si è vaporizzato. Semplicemente non esiste più: va completamente ripensato. Il Messico, dominato dai narcos, è sull’orlo dell’anarchia. L’Ucraina rischia di sfasciarsi. Il Nord Africa sta diventando un alveare di gruppi jihadisti che mirano a circondare l’Europa. L’Ue arranca e il domani sembra essere sempre più difficoltoso. Cambiano gli equilibri: è in crisi la stessa idea di stato costruita dopo il Trattato di Westfalia del 1648. Il corso di geopolitica 2015 intende documentare in modo analitico questa situazione nel tentativo di disegnare scenari che aiutino a comprendere la “ratio” del mondo (assai diverso dal passato) che è in corso di gestazione in questi anni.

Quest’anno il corso avrà una struttura diversa rispetto alle prime quattro edizioni. Le lezioni si terranno il martedì dalle ore 18.30 alle ore 22.30 circa, con una pausa per una semplice cena conviviale a buffet. Durante gli incontri si alterneranno le lezioni dei due docenti di Fabula Mundi (il prof. Michele Brunelli, docente all’Università Statale di Bergamo e all’Università Cattolica di Brescia e Claudio Gandolfo, giornalista ed esperto di geopolitica), con alcune testimonianze e un congruo spazio per il confronto e il dibattito. Il primo appuntamento (introduttivo) è con “Lo stato nazionale in declino?” in programma martedì 3 febbraio. Il primo modulo prende in esame il Medio Oriente (la Siria e l’Iraq): martedì 17 febbraio la lezione con Claudio Gandolfo, martedì 3 marzo quella con Michele Brunelli. Il secondo modulo affronta (martedì 24 marzo e martedì 7 aprile) “Le nuove guerre: il Messico. Nel regno dei narcos”.

Il terzo modulo è sull’Islam militante in Africa e sul terrorismo di matrice religiosa. Quando? Il 28 aprile e il 5 maggio. L’incontro conclusivo, sulla crisi delle organizzazioni internazionali, è fissato per martedì 19 maggio. La quota di partecipazione al corso è 70 euro (60 per i soci Acli), comprensiva di tutte le cene-buffet, da versare al primo incontro, oppure con bonifico bancario (spedendo poi una ricevuta del pagamento alla mail roberto.toninelli@aclibresciane.it). Il codice Iban per pagare la quota è IT82L0501811200000000150092, intestato a Ipsia onlus Brescia. È possibile anche iscriversi ad un solo incontro al costo di 10 euro (comprensivo della cena-buffet). Per informazioni, telefonare al numero 030.2294030.
LUCIANO FEBBRARI 22 gen 00:00