lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Trenzano
di REDAZIONE 29 giu 09:01

Il 70° di don Remo

Sacerdote veronese, don Remo Bartolini ha incontrato sul suo cammino la figura di don Piero Ferrari. Dopo anni di presenza a Lograto, collabora con la comunità di Trenzano

“Che cosa renderò al Signore per quanto mi ha dato? Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore” ( Sal 115, 12-13). Domenica 28 giugno don Remo Bartolini ha festeggiato 70 anni di sacerdozio nella parrocchiale di Trenzano. “In questo calice, alzato quotidianamente nella celebrazione eucaristica, per eccellenza rendimento di grazie, depongo – racconta don Remo - i lunghi anni del mio ministero sacerdotale: le gioie e i momenti meno facili che hanno accompagnato il cammino; il bene che ho seminato, le mancanze e fragilità dell’umana natura, che affido alla misericordia di Dio; i confratelli nel sacerdozio, i fedeli, i parenti, gli amici e le numerose persone incontrate. Tutto depongo sull’altare perché si trasformi in un canto di grazie per il 70° di ordinazione sacerdotale”. Don Remo Bertolini è nato a Isola della Scala (Verona) il 26 agosto del 1926 ed è stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1950. Ha svolto il suo ministero in varie parrocchie della diocesi di Verona, ( dove tuttora è incardinato) concludendo in San Briccio in Lavagno dove è stato parroco per 21 anni.

Raggiunti i limiti di età, nel 2001, si trasferisce a Rivoltella del Garda, come collaboratore. Qui incontra don Pierino Ferrari: nasce una profonda amicizia e stima, che porterà don Remo a condividere gli ideali e i progetti del sacerdote bresciano, al quale è molto riconoscente per averlo accolto in una delle sue case e per l’edificazione ricevuta dalla sua autentica testimonianza di vita, totalmente spesa nella carità a servizio della Chiesa e dei fratelli più deboli e bisognosi. E’ stata una guida sicura nel cammino. È così che nell’ottobre 2004 don Remo giunge a Lograto, nella struttura del Centro diurno integrato “Betulia”. Qui, si rende disponibile e svolge il suo servizio nella parrocchia, ma anche nelle parrocchie della zona, gioioso di poter dare ancora il suo contributo per l’avvento del Regno di Dio.

Nel 2017 si trasferisce a Trenzano dove vive attualmente, ritmando le giornate con la preghiera e la celebrazione eucaristica attraverso le quali continua a vivere la comunione con i confratelli sacerdozio e con il popolo di Dio e a intercedere per loro.

REDAZIONE 29 giu 09:01