lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Breno
di DAVIDE ALESSI 17 apr 00:00

Il Bim entra nella Centrale del Latte

Il Bim Vallecamonica ha aderito alla proposta di acquisto del 5.86% dell'intero Capitale Sociale di Centrale del latte, investendo la somma di 1.787.720, 48

La cessione di quote nelle società partecipate da parte del Comune di Brescia ha liberato una percentuale importante della quota della Centrale del latte: Coldiretti Brescia, socia della Centrale, ha creduto fortemente che la presenza camuna all'interno della società potesse rappresentare un valore aggiunto, vista la presenza di Cissva sul territorio che di fatto raccoglier la stragrande maggioranza di produttori di latte della Vallecamonica e dell'alto Sebino, oltre alle novità legate all'azzeramento delle quote latte, con conseguente mercato libero sia all'interno dei paesi UE che dall'esterno.

In questo senso, il Bim Vallecamonica ha aderito alla proposta di acquisto del 5.86% dell'intero Capitale Sociale di Centrale del latte, investendo la somma di 1.787.720, 48. Questa importante entratura consentirà sbocchi imprevisti fino a poco tempo fa per i prodotti agroalimentari camuni, iniziando dal latte. 170.000 quintali di latte raccolto all'anno da Cissva, il Caseificio sociale di Vallecamonica e di parte del Sebino, di cui circa 30.000 quintali viene venduto come latte, sono un grande patrimonio che, unito all'acume nella ricerca di nuovi prodotti, tra cui il formaggio a lattosio zero, ha portato il caseificio Cissva ad un bilancio che sfiora i 17 milioni di euro nel 2014.

Ma non basta: Cissva vuole ampliare il proprio raggio d'azione e soprattutto vuole vendere, e non svendere con sistema spot, i 30.000 quintali di latte non lavorati in zona. Potrebbe così nascere il “latte camuno di montagna” certificato che, grazie alla rete commerciale di Centrale del Latte, potrebbe entrare nella distribuzione di qualità in tutta Italia, venduto con dignità legata alla sua qualità eccezionale, creando un valore aggiunto importante e di conseguenza anche un circolo virtuoso dell'economia agroalimentare camuna
DAVIDE ALESSI 17 apr 00:00