lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Spedali Civili
di L. ZANARDINI 30 gen 00:00

Il calore per i bambini abbandonati

L'associazione "I bambini Dharma" ha donato un murale al nido dell'Ospedale. Rappresenta un segno tangibile delle attività della realtà di volontariato che affianca il personale sanitario nell'accoglienza e cura dei neonati abbandonati alla nascita

Quel che resta, simbolicamente, è una valigia carica di oggetti. Quel che resta nel cuore di chi la riceve è il calore umano di alcuni giorni o di alcuni mesi. Negli ultimi tre anni agli Spedali Civili di Brescia sono stati abbandonati 11 i bambini in Ospedale dalle loro madri che, per una serie di motivi, e tra mille sofferenze, hanno deciso di non tenerli con sé, ma hanno garantito loro il diritto alla vita. Questi neonati possono contare sull’amore donato dall’associazione “I Bambini Dharma”, che coinvolge un gruppo di 300 volontari; la realtà presieduta da Giovanna Castelli presta servizio di volontariato al Civile dal 2011 e alla Poliambulanza. Certo i volontari seguono un percorso formativo e non sono mandati allo sbaraglio. Accanto ai neonati, svolgono anche un ruolo sociale nei confronti di quei bambini vittime di abusi che arrivano al Pronto Soccorso e che poi restano in Ospedale.

Concretamente accudiscono, sollevando di fatto il personale medico e sanitario, i bambini in una sorta di limbo, il periodo che intercorre tra la richiesta di affido o di adozione e l’ingresso in famiglia o, in alcuni casi, in un istituto. Possono trascorrere pochi giorni, un mese o anche sei mesi. Ma si sa l’Ospedale non va in vacanza e, quindi, i piccoli necessitano di una cura 24 ore su 24. Giovanna, ausiliaria in Ospedale, è riuscita nell’intento di fornire un valido servizio al nosocomio e soprattutto di far scattare una grande gara di solidarietà. Il tutto si inserisce in uno splendido rapporto di collaborazione con l’istituzione, ben evidenziato dall’entusiasmo con il quale il direttore generale Ezio Belleri ha illustrato la significativa realtà de “I bambini Dharma”. I momenti vissuti con i singoli bambini vengono annotati su un diario che sarà poi sistemato, insieme alla bavaglia, al ciuccio o a piccoli doni, in una valigia: questa verrà consegnata alla famiglia del bambino. Il neonato, una volta cresciuto, scoprirà quindi di essere stato amato: dalla madre che ha deciso di farlo nascere e da tutte le persone che nei giorni successivi non gli hanno fatto mancare il calore e la vicinanza.

Per dare un segno tangibile di una presenza a tutto il reparto, l’associazione ha donato un murale nell’atrio d’ingresso del Nido del Civile. L’opera, realizzata da Barbara Mancini, con il supporto della giovane disegnatrice Giulia Barbieri, inizia con un albero della vita, che ha radici importanti e rami enormi, e continua con una serie di immagini simboliche (la valigia, la casa famiglia, la bambina sull’altalena) che rimandano al concetto di speranza. Il sogno nel cassetto è di poter creare una rete di famiglie disponibili all’accoglienza in situazioni di contingenza: si pensi, ad esempio, a quelle madri sole che entrano in ospedale con un figlio e magari non sanno dove lasciare gli altri figli…
L. ZANARDINI 30 gen 00:00