lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Lumezzane
di ALESSIO ANDREOLI 25 mar 00:00

Il possibile accorpamento della Polizia Locale di cinque comuni della Valtrompia

Avviata la stesura delle ipotesi per centralizzare il comando di Polizia Locale di Lumezzane, Gardone Val Trompia, Sarezzo, Concesio e Villa Carcina

Il comando di Polizia Locale centralizzato per i 5 Comuni più popolati della Valle Trompia è più di una semplice idea. Sul tavolo dei Sindaci di Lumezzane, Gardone Val Trompia, Sarezzo, Concesio e Villa Carcina la questione del riassetto del sistema che riguarda i Vigili Urbani è presente già da parecchie settimane. Nulla di definito o già avviato nell’iter istituzionale, però la fase di confronto e di stesura delle ipotesi è ben avviata tra i Comuni e il sindacato unitario locale di Polizia Municipale.

Le parti da tempo hanno intavolato una discussione con l’obiettivo di ottimizzare tempi e costi amminstrativi, potenziando così le risorse presenti in servizio sul territorio. Dati alla mano l’accorpamento permetterebbe ai 5 Comuni di coordinare al meglio l’operato della Polizia Locale, con una maggior capillarità sul territorio e omogeneità nel proprio operato. Il comando centralizzato andrebbe quindi ad agire su un territorio molto vasto con una popolazione di quasi 75 mila abitanti. La creazione di un unico comando è da considerarsi una mossa strategica, in quanto andrebbe adanticipare una norma Regionale attualmente in fase di studio.

I comuni della Valtrompia si stanno muovendo in anticipo, andando così ad introdurre un modello completamente nuovo nella Provincia di Brescia. Il passaggio ad un unico Comando sarà molto graduale e nei prossimi incontri i primi cittadini saranno chiamati in causa per stabilire definitivamente quale modello operativo adottare. L’ipotesi sul tavolo è quello di dar vita ad una convenzione con una gestione unica del comando. I costi del personale resteranno in capo ai vari Comuni e le risorse risparmiate dall’ottimizzazione di alcuni servizi potranno essere utilizzate per aumentare ed ammodernare il parco auto e la strumentazione in dotazione al futuro comando.
ALESSIO ANDREOLI 25 mar 00:00