lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE ONLINE 12 mar 00:00

La relazione degenera: tra minacce e richieste di denaro spunta una spranga

Nell'ambito di un'operazione condotta dai carabinieri della Compagnia di Desenzano del Garda, sono scattate le manette per una 44enne rumena e il suo complice

Il Gip ha convalidato l’arresto con l’accusa di estorsione continuata. La vittima è un imprenditore bresciano che da circa tre anni intratteneva una relazione con una 44enne rumena residente a Lonato. Tutto era iniziato su un sito di incontri online. Attraverso un annuncio la donna forniva la propria disponibilità ad intrattenere "un'amicizia". L’uomo, sposato, inizia così una relazione extraconiugale, fatta anche di regali e concessioni economiche. Questo fino alla conclusione dello scorso anno, quando l’uomo decide di troncare la relazione. Iniziano quindi le minacce e le richieste di denaro in contanti o tramite ricariche postepay da parte della donna che sostiene di poter produrre il materiale, foto e filmati, da mostrare alla moglie dell’ex compagno.

L’uomo cede per un po’ al ricatto, consegnando diverse centinaia di euro, in svariate tranche, alla donna, che intanto ha trovato un complice per intimorire ulteriormente la vittima. Vistosi minacciare da quest’ultimo, sotto casa, con una spranga, l’imprenditore decide di rivolgersi ai carabinieri della Compagnia di Desenzano del Garda.

Prende quindi il via l’attività di monitoraggio e, dopo un primo tentativo fallito di cogliere in fragranza di reato la donna e il suo complice, nei giorni scorsi, all’ennesima richiesta di denaro, sono scattate le manette, grazie alla macchina investigativa messa in moto dai carabinieri guidati dal tenente Gianluca Bellotti. Quest’ultimo, comandante del nucleo operativo di Desenzano, sottolineando l’importanza della collaborazione tra forze dell’ordine e vittima, ha lanciato un appello: “Debole è colui che rimane sotto scacco, invitiamo tutti a denunciare questi episodi”.
REDAZIONE ONLINE 12 mar 00:00