lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE ONLINE 13 gen 00:00

Stefana, arriva la Cevital?

La proprietà della Stefana, a seguito di un incontro con i rappresentanti della Cisl, ha ribadito che pagherà ai lavoratori lo stipendio di dicembre. Emergono inoltre manifestazioni di interesse per l'azienda da parte di un gruppo algerino

Qualcosa si muove per la Stefana S.p.A. “Nell’incontro che abbiamo avuto oggi con la proprietà – spiega Daniela Pedrali della Segreteria provinciale della Fim Cisl, sul sito del sindacato – una buona concreta notizia c’è: l’azienda ha ribadito che entro fine mese pagherà lo stipendio di dicembre ma che nei prossimi giorni comincerà a versare ai lavoratori un anticipo di 1.000 euro sull’arretrato”.

Per la soluzione strutturale della crisi finanziaria e di mercato del gruppo siderurgico di Nave, l’altra notizia positiva è la conferma che ci sono sul tavolo più “manifestazioni di interesse all’acquisto dell’azienda, o parti della stessa, e che su questo si sono già creati dei contatti”, tra questi anche il gruppo algerino Cevital, che nello scorso anno ha rilevato le Acciaierie di Piombino

“Anche alla luce di queste novità – continua la sindacalista della Fim Cisl – si rafforza la convinzione che è necessario ed urgente aprire tavoli di discussione allargati ad interlocutori istituzionali che richiamino l’azienda alle sue responsabilità e che si facciano promotori di percorsi finalizzati nell’immediato a dare una copertura economica e contributiva ai lavoratori e in prospettiva a salvare 700 posti di lavoro”.

“In merito agli ammortizzatori sociali – conclude la Segreteria provinciale dei metalmeccanici Cisl – nell’incontro odierno con la proprietà è emerso un orientamento diverso rispetto alla volontà espressa nel confronto della scorsa settimana di fare ricorso alla cassa integrazione straordinaria. Oggi la Stefana ha comunicato di voler avanzare richiesta di cassa integrazione ordinaria per lo stabilimento di via Brescia a Nave e per quello di Montirone, e di continuare il contratto di solidarietà integrato dalla cassa integrazione ordinaria per il secondo stabilimento di Nave e per quello di Ospitaletto. L’obiettivo, che però l’azienda non ha saputo indicare con tempi certi, è quello di riprendere l’attività in tutti gli stabilimenti”.
REDAZIONE ONLINE 13 gen 00:00