lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 11 gen 08:10

Dopo la Torino-Lione la Brescia-Verona?

Ascolta

Anche il tratto di Tav che attraversa il Bresciano sottoposto all'analisi costi-benefici, anche se alla fine la decisione sarà politica con le parti dell'attuale esecutivo. Al sì della Lega si contrappone il no del M5S. Tante altre le opere della provincia "in attesa di giudizio"

Sale nuovamente la tensione nel Governo e sul territorio per la realizzazione della Tav Torino-Lione. In attesa degli esiti finali della analisi costi-benefici – della quale ieri è stata consegnata una relazione preliminare ancora da condividere con Francia ed Europa -, il vicepremier Matteo Salvini ha rilanciato l’idea di un referendum sull’opera nel caso (praticamente certo), che il parere della costi-benefici fosse negativo. Una proposta già avanzata nei giorni scorsi dal Governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, e appoggiata anche da quello del Veneto, Luca Zaia, e della Lombardia, Attilio Fontana, ma valutata con freddezza dal M5S.

Tempi non cero migliori si annunciano anche le grandi opere che interessano il Bresciano, che il ministero guidato da Toninelli ha sottoposto alla stessa verifica adottata per la Torino-Lione. Alle forche caudine dell’analisi costi-benefici è sottoposta la Tav Brescia-Verona su cui, come per le altre opere, alla fine graverà il giudizio della politica: anche qui, come per la Torino-Lione, si preannuncia quindi un braccio di ferro tra il M5S, da sempre contrario all’opera, e la Lega che, invece, la ritiene un’opera indispensabile per sostenere una delle maggiori aree produttive del Paese. Anche per la Brescia-Verona si amdrà verso un referendum?

Molte alte sono le grandi opere del Bresciano bloccate, in attesa di conoscere i loro destini futuri: dall’autostrada della Valtrompia alla corda molle (il raccordo autostradale tra Montichiari e Ospitaletto); dal depuratore della Valtrompia, bloccato dal Tar, a quello del Garda che tutti reputano necessario ma che nessun Comune vuole sul proprio territorio. Insieme a questi tanti altri progetti per un totale di quasi tre miliardi di euro.

REDAZIONE 11 gen 08:10