lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Temù
di MARIO GARZONI 04 ago 12:27

A Temù “Alps" Festival del cinema di montagna

Dal 30 agosto in Alta Valle Camonica la prima edizione del festival promosso dall'associazione Montagna Italia

Si terrà al Cinema Alpi di Temù, dal 30 agosto al 3 settembre prossimo, la prima edizione di “Alps– Festival Internazionale del cinema di montagna”. Organizzata dall’associazione Montagna Italia, in collaborazione con il Comune di Temù, La Valle dei segni e Adamello Ski, l’iniziativa, presentata nei giorni scorsi in Broletto, si propone come l’unico festival internazionale nella Provincia di Brescia che promuovere un bando di concorso cinematografico ai fini della promozione dell’ambiente montano attraverso la proiezione di opere suggestive ed intriganti che andranno ad esplorare le tematiche dell’alpinismo, dell’esplorazione, del viaggio e del rispetto per l’ambiente. Fin dalla prima serata le emozioni saranno protagoniste con la proiezione di due film dedicati alla passione dell’uomo per la montagna: "K2 – Un urlo dalla vetta" (un film di Daniele Moretti per Sky TG24) che ripercorre la prima spedizione al K2 del 1954, e Walter Bonatti: "Al di là delle nuvole", una puntata del programma “Sfide” di Rai 3 dedicata al grande alpinista.

Verranno inoltre proiettati i film selezionati per il concorso cinematografico, diviso in due sezioni: “Le Alpi” e “Terre alte del mondo”. Per questa edizione saranno quindici le opere in concorso che verranno proiettati durante le varie serate presso il Cinema Alpi di Temù, scelti tra gli oltre 120 pervenuti da Spagna, Francia, Svizzera, Austria, Alaska, Italia, Groenlandia ed Estonia. La presentazione dei film in concorso proseguirà fino alla serata finale di sabato 3 settembre che vedrà la proiezione del film campione d’incassi “Messner: il film” del regista Andreas Nickel e l’esibizione della Compagnia delle Chiavi nella performance “Controluce” che racconta la favola infinita dell’uomo e della montagna.


MARIO GARZONI 04 ago 12:27