lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 12 feb 11:52

La biblioteca digitale

Ascolta

Sono oltre 400 le bibliotecarie e i bibliotecari in Rete, per non parlare di catalogatori, amministrativi, coordinatori e tutto il personale degli Uffici Biblioteche delle due province, che, con il loro lavoro e le loro competenze, rendono oggi la Rete quello che è diventata

La Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese, nata nel 1988 come Rete Bresciana su iniziativa della Provincia di Brescia, dal 2000 collabora con la Rete Cremonese ed è una grande biblioteca virtuale dedicata alla pubblica lettura: costituisce una fondamentale rete culturale per tutto il territorio. Preziosa l’occasione di fare un bilancio, come ogni anno, e di considerare i risultati del grande lavoro fatto, nella fotografia complessa e minuziosa che non sempre è facile comunicare ai cittadini che sono invece i primi destinatari del servizio.

Sono oltre 400 le bibliotecarie e i bibliotecari in Rete, per non parlare di catalogatori, amministrativi, coordinatori e tutto il personale degli Uffici Biblioteche delle due province, che, con il loro lavoro e le loro competenze, rendono oggi la Rete quello che è diventata.La struttura gestita dalla Provincia di Brescia ha progressivamente coinvolto e aggregato una serie di importanti reti bibliotecarie, accrescendo sempre di più il contesto di cooperazione e le sinergie.Fornisce servizi alle reti bibliotecarie di Bergamo, Mantova e Sondrio, e recentemente ha avviato la cooperazione con le reti limitrofe del CSBNO (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest area milanese) e di Lodi. Partecipa al network nazionale MLOL (MediaLibraryOnline) per la biblioteca digitale, e a quello lombardo CoseDaFare per la promozione di luoghi ed eventi culturali. Quello bresciano è un modello virtuoso di cooperazione e integrazione di servizio a tre livelli tra 2 province, 8 Sistemi bibliotecari e 300 Comuni.

Le 307 biblioteche della RBBC raccontano di una realtà diffusa e capillare: nel bresciano si contano 219 biblioteche comunali e 23 speciali, nel cremonese 64 comunali e 9 speciali. Sono tutte collegate da un unico sistema informativo, quindi un unico catalogo: l’OPAC è la finestra più importante sul mondo delle biblioteche: un vero e proprio portale che, oltre a permettere la ricerca dei documenti sul catalogo, fornisce ai lettori servizi personalizzati (possono salvare ricerche e bibliografie, proporre acquisti, dialogare con gli altri utenti della Rete). Inoltre è vetrina delle attività organizzate dalle biblioteche e promuove gli eventi sul territorio.

REDAZIONE 12 feb 11:52