lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di VITTORIO BERTONI 18 feb 13:04

Ricominciamo dalle relazioni: concorso

Il mondo della scuola è stato particolarmente colpito dalla pandemia. A fare le spese dell’emergenza sanitaria sono stati soprattutto gli adolescenti, costretti a seguire per molto tempo le lezioni a distanza perdendo il senso della relazione. Per promuovere una riflessione sulla riscoperta dei valori della relazione educativa in ambito scolastico e formativo, il Comune di Brescia e l’Istituto Lunardi hanno indetto un concorso, che vede “La Voce del Popolo” media partner, rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della nostra provincia.

Relazione. “Mai come in questo momento – afferma l’assessore alle politiche giovanili, Roberta Morelli – si è vista la necessità della relazione scolastica. I ragazzi sono in un periodo di grande difficoltà e sofferenza. C’è bisogno di una partnership educativa tra scuola e famiglia basata sulla condivisione dei valori. Attraverso questo progetto si vuole percorrere un cammino comune e stabilire quali sono i presidi educativi forti. Si esplora il mondo giovanile, i loro bisogni, le difficoltà e le sofferenze per elaborare nuove risposte”. Gli studenti possono partecipare sia come singoli che come gruppi classe o classi intere, scegliendo tra tre diverse categorie: audiovisivo, artistica (fotografia, pittura, disegno, grafica e scultura), narrativa e poesia. Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 15 marzo all’indirizzo concorso@lunardi.edu.it, mentre gli elaborati vanno inviati entro il 5 maggio.

Le opere prodotte dovranno far emergere le difficoltà psicologiche, relazionali e formative vissute durante il periodo di dad. In particolare dovranno essere esaltati i valori propri della relazione educativa che qualifica la quotidianità della scuola riscoperti durante la pandemia e il conseguente lockdown. Una giuria di 12 membri giudicherà gli elaborati migliori e assegnerà premi di natura tecnologica e professionale, abbonamenti a quotidiani, percorsi museali ed esperienze teatrali e cinematografiche. Il concorso è legato anche all’organizzazione di un convegno, in ottobre, finalizzato a promuovere un confronto tra dirigenti, docenti e studenti. “Abbiamo ritenuto importante – conclude il referente della commissione cultura del Lunardi, Luca Guerra – aprire la riflessione che scaturirà dal concorso alla cittadinanza, perché l’educazione e la scuola stanno a cuore a tutti. È il tentativo di sviluppare una riflessione per far emergere il fare e l’essere scuola in un periodo di profonda difficoltà, ma anche per condividere e costruire una idea di scuola maturata in questo contesto pandemico coraggiosa e innovativa, centrata sull’’aver cura’ dell’ambiente, delle relazioni, degli studenti. Una scuola come una vera comunità di vita”.

VITTORIO BERTONI 18 feb 13:04