lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di LAURA DI PALMA 04 giu 15:05

T-shirt in aiuto del teatro

Vera Zizioli, durante il lockdown, ha iniziato a ricamare a mano diverse T-shirt, sulle quali capeggia lo skyline di quattro tra i monumenti più significativi di Brescia: il Capitolium, la Loggia, la Pallata e il Duomo Vecchio

Da alcune settimane il nostro Paese è uscito da un lungo lockdown che ha portato con sé inevitabili conseguenze a livello economico e sociale. A piccoli passi, anche la nostra città sta cercando di tornare a vivere provando a lasciarsi alle spalle uno dei periodi più bui che abbia mai vissuto. Se, da un lato, l’ampia diffusione del coronavirus ci ha costretto a cambiare le nostre abitudini e a rinunciare, almeno in parte, alle nostre libertà, dall’altro, abbiamo riscoperto alcuni valori e l’importanza del tempo dedicato a noi stessi e agli altri: un tempo che, nella frenesia della vita, non sentivamo più nostro. È stato proprio grazie a questo tempo sospeso e riscoperto che è nato il progetto “A teatro in T-shirt”, ideato da Vera Zizioli, classe 1981, insegnante di scuola primaria e attrice per passione.

“Da oltre vent’anni ormai, accanto alla mia professione, mi dedico al teatro amatoriale. In questo periodo di fermo obbligato ho avuto modo di pensare a lungo e di dar vita a un’idea che da tempo avevo nella testa; e così, ha preso vita un progetto dedicato alle piccole ma indispensabili realtà culturali e teatrali della nostra bellissima città, perché, sono convinta che l’arte in sé abbia una funzione catartica e salvifica e la cultura non possa essere messa all’ultimo posto. Se perdessimo alcune realtà, veicolo di benessere, perderemmo davvero qualcosa di importante, che ci rende vivi e coscienti”. Vera ha quindi iniziato a ricamare a mano diverse T-shirt, sulle quali capeggia lo skyline di quattro tra i monumenti più significativi di Brescia: il Capitolium, la Loggia, la Pallata e il Duomo Vecchio. “Con questo ricamo lascio una traccia sulle magliette così come il teatro, negli anni, ha lasciato una traccia in me e in molte altre persone. L’idea è poi quella di vendere le magliette, senza alcuno scopo di lucro: i proventi della vendita, infatti, andranno a sostenere le attività di alcune tra le realtà teatrali della nostra città”. Sulla pagina Facebook omonima del progetto “A teatro in T-shirt”, è possibile avere tutte le informazioni per sostenere il progetto di Vera.


LAURA DI PALMA 04 giu 15:05