lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MASSIMO VENTURELLI 16 mar 08:12

Tutti i numeri del Teatro Grande

Ascolta

Umberto Angelini, sovrintendente e direttore artistico della Fondazione del Teatro Grande ha presentato nel corso di una conferenza stampa tutti i dati della stagione 2016, anno da record per l'istituzione culturale cittadina

Il Grande ha dato i numeri. Il sovrintendente Umberto Angelini ha presentato i numeri della stagione 2016, un anno che ha visto affiancarsi la tradizionale stagione d’opera e balletto, l’attività concertistica – suddivisa in appuntamenti di musica sinfonica, musica da camera, musica barocca e contemporanea, jazz e pop – e le proposte di danza, oltre ai progetti speciali e agli appuntamenti culturali e per i più piccoli. Pluridisciplinarità, internazionalità, innovazione, eccellenza e giovani sono i capisaldi su cui la Fondazione del Teatro Grande, come è stato evidenziato nella conferenza stampa di presentazione, ha puntato sin dalla sua nascita: la programmazione si prefigge di fare del territorio bresciano una eccellenza nazionale e internazionale grazie a spettacoli di elevata qualità con personaggi emblematici del panorama culturale internazionale, con i giovani talenti emergenti, con progetti speciali di partecipazione del pubblico.

Quali, dunque, i numeri del Grande? 89 sono stati gli eventi che nel, 2016 si sono susseguiti al massimo cittadino, tutti organizzati dalla Fondazione. A questi si sono aggiunti altre quattro proposte promosse in collaborazione con altre realtà del territorio. La Stagione 2016 è stata accolta con entusiasmo dal pubblico, registrando un incremento del 41% rispetto all’anno precedente. Per la Stagione Opera e Balletto si segnala inoltre che la vendita degli abbonamenti è cresciuta del 7% rispetto al 2015. Nel 2016 la Fondazione ha pertanto quadruplicato le presenze rispetto alla data della sua costituzione. Fra i dati presentati mancano quelli dell’edizione 2016 della Festa dell’Opera, che ha toccato 53 luoghi della città, coinvolgendo 180 artisti e affascinando per un’intera giornata un pubblico che ha raggiunto decine di migliaia di presenze e superato sul web i 700mila contatti.

Da segnalare inoltre il significativo incremento del pubblico under30 che nel 2016 ha raggiunto il valore più alto degli ultimi sei anni con un incremento del 35% rispetto all’anno precedente. In questo modo la Fondazione ha perseguito uno dei suoi obiettivi prioritari: raggiungere e coinvolgere i giovani: sia nelle politiche di programmazione del cartellone, sia nelle politiche di prezzi, al pubblico under30, alle scuole e ai più piccoli è riservata un’attenzione particolare al fine di favorire un incremento e una diversificazione del pubblico e contestualmente per educare le nuove generazioni al teatro e ai linguaggi della contemporaneità. Questa strategia è risultata negli anni vincente tanto da registrare un incremento costante del pubblico under30 che oggi rappresenta il 23% del pubblico complessivo. Nel 2016 la Fondazione del Teatro Grande ha coinvolto nella sua attività 1.147 artisti generando una ricaduta diretta in città di oltre 100mila euro in spese di vitto e alloggio. Non è stato invece conteggiato l’indotto generato dal pubblico che rappresenta un impatto economico significativo.

MASSIMO VENTURELLI 16 mar 08:12