lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di REDAZIONE 08 mar 11:17

Oratorio e Circolo Giovanile

Ascolta

Maurizio Castrezzati analizza i documenti del Congresso Catechistico Diocesano del 1912 e del Congresso Diocesano degli Oratori e delle Scuole parrocchiali di religione del 1922, sottolineandone l'attualità

“Oratorio e Circolo Giovanile, un progetto educativo nella Pastorale della Chiesa bresciana”. È il titolo del quinto Quaderno del percorso intrapreso dal gruppo di lavoro “Storia dell’Oratorio a Brescia”. Autore del volume il direttore di Canossa Campus, prof. Maurizio Castrezzati.

La presentazione è avvenuta sabato 2 Marzo presso il Centro Pastorale Paolo VI ed è stata anche l’occasione per fare il punto sull’avanzamento dei lavori del gruppo promotore del progetto. Un progetto – come evidenziato nell’introduzione alla giornata – che punta a fare memoria della storia degli oratori per dare spessore e dignità a questa esperienza e al contributo che essi hanno dato e danno tuttora alla città e alla Diocesi.

Il volume del prof. Castrezzati raccoglie e analizza i documenti del Congresso Catechistico Diocesano del 1912 e del Congresso Diocesano degli Oratori e delle Scuole parrocchiali di religione del 1922. Documenti che, come sottolineato dall’autore, si rivelano ancora oggi estremamente attuali e che hanno orientato la pastorale giovanile e lo sforzo educativo degli oratori sin dalla loro nascita. Catechesi e formazione dei catechisti, ma anche sport, cinema, teatro e biblioteche: nel libro di Castrezzati sono analizzati tutti gli ingredienti che, allora come oggi, servono a costruire la ricetta di un progetto educativo efficace che guarda al cammino di Fede come cammino di crescita di tutto l’Uomo.

La presentazione del libro è stata anticipata dagli interventi del prof. Giovanni Gregorini, dell’Università Cattolica - che ha evidenziato l’ambiziosità del profilo della ricerca del prof. Castrezzati - e di don Michele Falabretti, direttore dell’Ufficio di Pastorale giovanile della CEI. Quest’ultimo ha sottolineato la gravità e l’importanza dell’impegno educativo della Chiesa, individuando nell’Oratorio il luogo privilegiato della cura: “è nell’oratorio che chi si è sentito oggetto di cura impara a sua volta a divenire soggetto capace di cura”. In apertura è stato don Carlo Tartari, vicario episcopale per la Pastorale, a portare ai presenti il saluto della Diocesi e a sottolineare come sia necessario raccogliere la sfida educativa attraverso un rinnovamento dell’impegno della Chiesa verso le nuove generazioni. A seguire l’intervento della professoressa Ivana Passamani, del dipartimento di Ingegneria dell’Università di Brescia, che ha presentato un progetto di mappatura e analisi delle infrastrutture di cinque oratori bresciani.

Prima della conclusione Gabriele Bazzoli, del Centro Oratori Bresciani, ha offerto alla platea quattro fotografie di momenti di vita di oratorio, spalmati in un arco di tempo che va dal periodo fascista alla fine degli anni ’80. L’impegno del gruppo promotore del progetto “Storia dell’Oratorio a Brescia” proseguirà con la pubblicazione di altri due Quaderni e con un seminario che si svolgerà il 4 Luglio presso il Centro Mater Divinae Gratiae dal titolo “Oratori al femminile. Carismi ed esperienze negli oratori bresciani”.

REDAZIONE 08 mar 11:17