lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
12 apr 09:29

Ramadan: vicini alla comunità islamica

Don Roberto Ferranti, direttore dell’Ufficio per il Dialogo Interreligioso, a nome della Diocesi, ha scritto una lettera ai Centri culturali islamici e a tutti gli amici musulmani presenti sul territorio all’inizio (il 13 aprile) del Ramadan, “mese di digiuno e di preghiera, tempo forte di ripresa della propria pratica religiosa e tempo di festa e condivisione”.

La preghiera unisce ancora di più in un tempo difficile come quello che stiamo vivendo. “Il cammino di tutti questi mesi, segnati dal Covid-19, ci ha fatto sperimentare - scrive don Roberto - l’importanza e il valore della preghiera comunitaria che non abbiamo sempre potuto vivere nella sua pienezza; la testimonianza di una comunità che prega riunita, è segno di una fede viva. Ci auguriamo presto di poter tornare a essere questo segno di spiritualità attraverso le nostre rispettive preghiere comunitarie.

All’inizio di questo mese don Roberto ha condiviso le parole che Papa Francesco ha pronunciato il 6 marzo del 2021 sulla piana di Ur (Iraq) insieme anche ai rappresentati della comunità islamica. “Guardiamo il cielo. Contemplando dopo millenni lo stesso cielo, appaiono le medesime stelle. Esse illuminano le notti più scure perché brillano insieme. Il cielo ci dona così un messaggio di unità: l’Altissimo sopra di noi ci invita a non separarci mai dal fratello che sta accanto a noi. L’Oltre di Dio ci rimanda all’altro del fratello. Ma se vogliamo custodire la fraternità, non possiamo perdere di vista il Cielo. Noi, discendenza di Abramo e rappresentanti di diverse religioni, sentiamo di avere anzitutto questo ruolo: aiutare i nostri fratelli e sorelle a elevare lo sguardo e la preghiera al Cielo. Tutti ne abbiamo bisogno, perché non bastiamo a noi stessi”.

Cristiani e musulmani stanno camminando insieme. L’augurio è che “il cammino che a Brescia e provincia stiamo condividendo possa continuare a essere una testimonianza che possiamo insieme guardare il cielo con i fratelli e le sorelle che vivono accanto a noi: è una testimonianza da offrire alle nostre comunità”.

12 apr 09:29