lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Valcamonica
di LINDA BRESSANELLI 09 set 00:00

Alla riscoperta dei sapori camuni

Per tutti gli appassionati del buon vino e delle prelibatezze delle cucina, torna l'appuntamento con le Settimane della Gastronomia Camuna. Giunta alla quattordicesima edizione, la rassegna proporrà, oltre ad una "rispolverata" dei piatti tipici, anche cene realizzate da chef e percorsi sul territorio per scoprire le origini delle materie prime e della tradizione culinaria locale

Eccellenza. Ruotano attorno a questa parola il Gruppo Ristoratori di Valle Camonica e FIEPeT Confesercenti per organizzare le Settimane della Gastronomia Camuna. Lo fanno da 14 anni, riscuotendo immancabilmente grande successo di pubblico, che non significa soltanto avventori di ristoranti, ma anche visitatori, turisti, chef, esperti del settore, appassionati…Perché le “Settimane” non si riducono a dei menù di piatti tipici che si possono trovare in alcuni locali della Valle, ma rimandano a un articolato programma che conduce alla scoperta del territorio camuno partendo, appunto, dalle sue eccellenze. Un evento che riesce a intrecciare e combinare con diverse proposte gastronomia, vini Igt, tipicità all’interno di un eccezionale contesto paesaggistico – culturale.

Il primo “assaggio” della rassegna è stato offerto dalla cena di gala alle Terme di Boario, il cui ricavato è stato devoluto all’associazione “La linea della vita”, che fa campagne di prevenzione e di educazione stradale per ridurre le stragi del sabato sera. In quella sede è stato presentato il programma integrale delle Settimane della Gastronomia Camuna. Verrà riproposta la formula consolidata dei menù completi a prezzo fisso, elaborati con le migliori materie prime del territorio dai 28 esercizi aderenti.

Ci saranno, inoltre, delle serate a tema, che verteranno, per quest’edizione, su due alimenti poveri diffusi nelle zone alpine: la polenta e il baccalà. La sapiente preparazione della polenta, affiancata a piatti della tradizione come selvaggina, funghi, lumache o formaggio, accompagnati da un bicchiere di Vino Igt Vallecamonica è in calendario il 25 settembre, con alcuni esercizi in cui la proposta verrà mantenuta per tutto il week-end. Venerdì 23 ottobre sarà invece il baccalà a riempire le padelle, con reinterpretazioni di antiche ricette ma anche nuove presentazioni.

Durante la rassegna, da settembre a novembre, non mancheranno le cene “A quattro mani”, che vedono chef provenienti da altri territori pronti a cimentarsi nella preparazione dei piatti camuni, affiancati dai cuochi locali.
Si potrà anche andare “all’origine”, nei luoghi dove vengono prodotte le materie prime cucinate nei ristoranti che partecipano alla rassegna. Basterà partecipare a visite guidate ed escursioni presso vigneti, alpeggi, caseifici, cantine e oliveti.

Il programma delle passeggiate, così come di tutti gli altri eventi legati alle Settimane della Gastronomia camuna, si possono trovare sulle brochure distribuite nei locali aderenti o sulla pagina Facebook dedicata alla rassegna, oltre che sul sito internet.




LINDA BRESSANELLI 09 set 00:00