lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di ROMANO GUATTA CALDINI 27 set 11:36

Il volo delle Aquile randagie

Il film di Gianni Aureli sugli schermi dell’Aurora di Roncadelle e del Politeama di Manerbio. Il sacrificio dei giovanissimi scout durante la Resistenza

Il 9 aprile 1928 lo scoutismo fu dichiarato soppresso dal Consiglio dei ministri. Ma un gruppo di ragazzi disse no... Milano, Italia, ventennio fascista. Tutte le associazioni giovanili vengono chiuse per decreto del Duce, compresa l’associazione scout italiana. Un gruppo di ragazzi decide di dire di no e fonda le “Aquile Randagie”: giovani e ragazzi, guidati da don Andrea Ghetti, detto Baden, e Giulio Cesare Uccellini, detto Kelly, che continuano le attività scout in clandestinità, per mantenere la “Promessa”: aiutare gli altri in ogni circostanza. Parte da queste premesse il film di Gianni Aureli, già inserito nelle programmazioni di due Sdc bresciane: all’Aurora di Roncadelle il 30 settembre, l’1 e il 2 ottobre alle 20.30 (intero 6 euro e ridotto 5 euro) e al Politeama di Manerbio l’1 e il 2 ottobre alle 21 (intero 7 euro e ridotto 5 euro).

Il gruppo scopre la Val Codera, una piana tra gli alberi segreta e impervia a poche ore da Milano, e ne fa la sua base per campi e uscite clandestine. Il fascismo non li ignora, li segue, li spia, arrivando a pestare a sangue Kelly, che perde l’uso di un orecchio. Ostacoli e violenze non fermano però le Aquile. Dopo il 1943, i ragazzi danno vita al movimento scout clandestino che supporterà la resistenza fino alla fine della guerra. Insieme ad alcuni docenti del collegio San Carlo di Milano, guidate da don Giovanni Barbareschi, le “Aquile randagie” entrano a far parte di Oscar (Organizzazione Scout cattolica assistenza ricercati). Insieme combatteranno il regime prima con beffe plateali, poi con azioni mirate che permetteranno di far superare il confine italiano e raggiungere la Svizzera a più di 2000 persone ricercate dai nazifascisti: ebrei, perseguitati politici e chiunque avesse bisogno di fuggire le persecuzioni, e una probabile morte. Alla fine della guerra, clamorosamente e con coerenza, le “Aquile Randagie” tuteleranno tedeschi e italiani autori di violenze, ricercati dai partigiani, chiedendo per loro una giusta pena con un processo giusto.

“Raccontare la storia delle Aquile Randagie in un film è un’idea stimolante - ha sottolineato Aureli - una sfida creativa, ma soprattutto un atto dovuto. L’associazione concettuale dello scautismo alla Resistenza è un pensiero sicuramente innovativo che lascia quantomeno incuriosite tutte le persone che ne vengono a conoscenza”. Perché di questo si parla: le “Aquile randagie” erano un gruppo di scout di Milano e Monza che decisero di ribellarsi alla decisione del fascismo di chiudere tutte le associazioni giovanili che fossero differenti dall’Opera Nazionale Balilla, inclusa quindi l’Asci, l’Associazione Scout cattolici italiani: “Avevano fatto una ‘Promessa’, servire la Patria, aiutare il prossimo - continua il regista - e quindi con l’uniforme sotto gli abiti borghesi, e sempre alla ricerca di qualche luogo dove indisturbati poter proseguire le loro attività all’aria aperta questi giovani, fedeli (alla promessa) e ribelli (al regime), sfidarono il fascismo per anni, portando avanti gli ideali di solidarietà e speranza propri dell’Associazione Scout. Con l’inizio della guerra poi e dopo l’8 settembre, il coinvolgimento con la Resistenza è stato via via maggiore, fino alla fondazione dell’Oscar. La particolarità di tutto questo è che i protagonisti di queste avventure sono dei ragazzi, tra i 14 e i 20 anni, che hanno dimostrato coraggio, adesione, spirito di sacrificio e lealtà al Paese. Valori che, soprattutto oggi, devono essere memoria storica e viva”. I motivi per raccontare un film sulle Aquile Randagie sono quindi molteplici: raccontare una parte di storia d’Italia che in ben pochi conoscono, rendere omaggio a una storia di coraggio realizzata da giovani, essere d’ispirazione per i giovani di oggi: “Si tratta di un film diretto ai giovani, che vuole parlare loro con le parole dei giovani di un’altra epoca, quando un altro mondo sembrava impossibile, ed invece il cambiamento si realizza proprio grazie a loro: forse eroi, di certo giovani fedeli e ribelli”.

Il film è stato presentato in anteprima mondiale alla 49ª edizione del Giffoni film festival. Per conoscere tutte le proiezioni in programma è possibile consultare il sito www.aquilerandagiefilm.eu.

ROMANO GUATTA CALDINI 27 set 11:36