lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE ONLINE 08 apr 00:00

"L'Humus educativo bresciano", il terreno fertile seminato da Paolo VI

Venerdì 17 aprile alle 9.00 presso l'Università cattolica del sacro cuore, si terrà il convegno nazionale "L'Humus educativo bresciano": un'importante possibilità per comprendere ed esplorare le origini della passione educativa nel magistero di papa Paolo VI. A seguito di alcune testimonianze, è previsto il pellegrinaggio a Concesio

Il magistero di papa Paolo VI è stato per anni terreno fertile del rinnovamento nella catechesi, nell’oratorio e nell’evangelizzazione, che ha avuto il suo avvio principale con il Concilio Vaticano II. E’ proprio di terreno, di humus che si parlerà al convegno nazionale previsto per venerdì 17 aprile dal titolo “L’humus educativo bresciano. All’origine di una passione per tutti”. L’iniziativa è stata realizzata da Anspi in collaborazione con la sede di Brescia dell’Università cattolica del sacro cuore, ed è inserito tra le iniziative dell’Anno Montiniano della diocesi di Brescia.

Durante la mattinata, a partire dalle ore 9.00 sino alle 12.30 presso l’aula magna “G. Tovini” dell’Università cattolica di via Trieste 17, sarà possibile ascoltare alcune testimonianze moderate dal professore Mario Taccolini, direttore del Dipartimento di scienze storiche e filologiche della Cattolica. Interverranno quindi: il professor Giovanni Gregorini, che parlerà dell’Oratorio e della società nella storia bresciana, dalle sue origini sino al secondo dopoguerra; don Mario Trebeschi, il quale farà luce circa il contributo di Pavanelli e Belloli al movimento catechistico; don Angelo Maffeis si concentrerà invece sull’intervento di monsignor Belloli al Concilio vaticano II; infine il professor Luciano Pazzaglia cercherà di delineare i cambiamenti avvenuti all’interno degli Oratori nel magistero di papa Montini.

E’ previsto per le ore 15.00 un pellegrinaggio a Concesio presso la Casa natale di Paolo VI, ora custodita dalle Figlie di Maria ausiliatrice che accolgono da anni i visitatori, guidandoli nel cogliere la forza e la bellezza dell’operato di Giovanni Battista Montini. Oltre alla casa sarà possibile visitare la Collezione Paolo VI di arte contemporanea che raccoglie ed espone il patrimonio di settemila dipinti, disegni, stampe e sculture appartenute al Papa. Tra i dipinti più famosi sono riconoscibili i tratti di: Matisse, Chagall, Picasso, Dalì, Magritte, Morandi e Fontana. Alle 18.30, presso la Parrocchia di Sant’Antonio martire di Concesio, dove Montini venne battezzato, verrà celebrata la Santa Messa; seguirà poi una cena con animazione presso l’Oratorio.

“La tradizione storica da una parte e la realtà sociale odierna dall’altra, – diceva Paolo VI – ci mostrano quanto sia provvidenziale l’istituzione oratoriana”, questo convegno quindi, rappresenta una risorsa per tutti nella promozione di una visione educativa integrale. E’ possibile iscriversi presso la segreteria Anspi di via Galileo Galilei 65 a Brescia. Per ulteriori informazioni: info@anspi.it, www.anspi.it.
REDAZIONE ONLINE 08 apr 00:00