lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 12 apr 07:42

Rientro in classe in sicurezza

Ascolta

Con la Lombardia in zona arancione tornano in presenza anche gli alunni delle seconde e terze medie e anche quelli delle superiori, seppure in percentuale ridotta. Il Tpl provinciale adegua i suoi servizi per far viaggiare sicuri gli studenti

"La notizia della riapertura anche delle scuole superiori non può che essere accolta positivamente. D'altronde i nostri ragazzi sono stati quelli più penalizzati sia dal punto di vista scolastico sia da quello relazionale. Le scuole superiori bresciane, che contano circa 50mila iscritti, grazie al lavoro tra Provincia e Dirigenti d'Ambito e scolastici, sono luoghi sicuri, poiché si sono organizzati per accogliere gli studenti nel pieno rispetto delle norme anticovid. Il problema se mai è fuori dalla scuola”. Così Filippo Ferrari, consigliere provinciale con delega all’istruzione, saluta il ritorno in aula, con la Lombardia in zona arancione, anche di una parte degli studenti degli istituti superiori del Bresciano.

Per rendere ancora più sicura questa ripresa, Ferrari auspica, però, un potenziamento del trasporto pubblico locale, lanciando un appello a Governo e Regione: “Ci assegnino le risorse necessarie per consentire di migliorare il trasporto pubblico, considerando che la nostra Provincia conta 205 comuni, 2000 km di strade e che è più grande di diverse regioni italiane. È necessario potenziare i trasporti extraurbani, per i quali la Provincia continua a destinare importanti risorse, oltre le proprie competenze, non senza grandissimi sforzi".

In attesa che da Milano e Roma giungano le risposte attese, un primo segnale a Filippo Ferrari arriva da Brescia e porta la firma di Claudio Bragaglio, presidente dell’agenzia provinciale Tpl. In un comunicato stampa si ricorda, infatti, che in vista della ripresa delle attività scolastiche in presenza, l’Agenzia ha ritenuto di riproporre lo stesso schema di riapertura già adottato nella precedente occasione e che ha dato positivi risultati, sia sul versante della scuola che del Tpl.

“A tale proposito – scrive ancora Bragaglio il direttore della Agenzia Alberto Croce ha già comunicato alle Aziende di Tpl le necessarie disposizioni per quanto riguarda tale riapertura. In sostanza, tenuto conto del necessario tempo tecnico di riprogrammazione dei servizi affidati a ciascuna delle Aziende, sia urbana che extraurbane, la pina operatività del servizio si avrà da domani, martedì 13 aprile, con il Programma di Esercizio TPL “scolastico invernale”, rinforzato con “servizi aggiuntivi” messi in atto per adeguare il servizio di TPL alle misure di limitazione di riempimento degli autobus (in coerenza anche con una presenza a scuola del 50% degli studenti iscritti), nell’ipotesi di poter raggiungere la piena operatività del Programma di Esercizio con la giornata di giovedì 15..

REDAZIONE 12 apr 07:42