lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Sarnico
di CLAUDIA MORANDINI 17 set 11:40

Caro Covidiario per la Siria

Sarà presentato venerdì 25 settembre alle 19, presso il Cocca Hotel di Sarnico, il nuovo libro di Amedeo Ricucci, inviato speciale del Tg1, dal titolo Caro COVIDdiario,edito da BrainNews Productions. Sarà presente l’autore. La serata è organizzata da We are odv, l’associazione che da anni si occupa dell’assistenza in particolare di donne e bambini siriani che vivono a Kilis, piccola cittadina turca ai confini con la Siria. L’intero ricavato della vendita del libro – per volontà dello stesso giornalista – andrà a sostenere oltre a We are, altre due associazioni : Casa di Kim ,di Roma,e Il Cuore nel Mondo , di Milano. Come per il precedente libro “Cronache dal Fronte”, nel quale al termine di ogni capitolo un qrcode permetteva ai lettori di rivedere i reportage andati in onda sui canali Rai , anche in questo caso Ricucci ha sorpreso il suo pubblico, parte del quale è diventato “co-autore”, come scritto nella prefazione. Ecco perché. L’idea del libro è nata in modo bizzarro,e il suo contenuto “originale”.Costretto a casa in quarantena poiché il suo cameramen Simone, da molti anni compagno fedele nei suoi viaggi-reportage, era risultato positivo al coronavirus, Ricucci non ha saputo tenere a freno le dita e pensieri.

La genesi del libro. Così, ogni mattina, sulla sua bacheca ,dava appuntamento ai molti amici di Facebook, raccontando un po’ di tutto. Dall’11 marzo al 3 maggio, termine del lockdown per molte attività, i post si susseguivano ininterrottamente come pure i commenti dei suoi amici, una platea variopinta che si ritrovava a condividere ricordi, riflessioni, frammenti di vita passata ripescati qua e là. Come la piccola “Madeleine” di Proust nel suo famoso libro “A la recherche du temps perdu” il cui profumo risvegliava mondi cristallizzati, allo stesso modo Ricucci da un semplice input passa a raccontare di sé, della mamma, dell’amica incinta , della sua terribile esperienza vissuta quando, con l’inseparabile Simone , viene catturato e imprigionato dall’Isis e poi fortunatamente liberato. Il libro offre tanti spunti di riflessione anche grazie agli amici-commentatori che si ritrovano a essere i co-autori del testo.

CLAUDIA MORANDINI 17 set 11:40