lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Milano
di REDAZIONE 15 apr 07:49

Protezione Famiglia per i bresciani

Ascolta

Dalle 10 di questa mattina alle 12 del 22 aprile le famiglie di città e provincia interessate alla misura di sostegno della Regione possono inviare la propria richiesta di contributo

Dalle 10 di questa mattina e sino alle 12 del 22 aprile i bresciani possono inoltrare la domanda per accedere al bando “Protezione Famiglia” della Regione Lombardia. Si tratta di un sostegno economico erogato sotto forma di contributo a fondo perduto, di valore pari a 500 euro, messo a disposizione delle con figli minori in situazioni di difficoltà a causa dell’emergenza Covid-19.

Le famiglie potranno ottenere un contributo di 500 euro una tantum a fondo perduto fino ad esaurimento delle risorse disponibili che ammontano a 32,4 milioni di euro, 4,4 dei quali per applicazione del Fattore Famiglia Lombardo, che consente di garantire un importo aggiuntivo al contributo concesso se in famiglia sono presenti elementi come il mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale, l’anzianità di residenza in Regione Lombardia, numero dei figli, persone disabili, donne in gravidanza e anziani a carico.

La domanda di contributo può essere presentata esclusivamente online, attraverso il sistema informativo Bandi On Line raggiungibile da www.bandi.regione.lombardia.it digitando Protezione famiglia .

Per accedere occorre autenticarsi con la tessera sanitaria CRS/TS- CNS oppure con la Carta d'Identità Elettronica (CIE) o con lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Per accedere al contributo occorre che il richiedente, al momento della presentazione della domanda, sia in possesso dei seguenti requisiti: essere residente in Lombardia; essere genitore di almeno un minore di 18 anni (17 anni e 364 giorni) a carico e residente nel proprio nucleo familiare; avere un Isee 2021 minore o uguale a 30mila euro.

Altro requisito richiesto per accedere a “Protezione Famiglia” è di aver avuto una riduzione dell’attività lavorativa dimostrabile da una delle seguenti situazioni legate all’emergenza Covid, a partire dal 31 gennaio 2020 (data della dichiarazione dello stato di emergenza di cui alla delibera del Consiglio dei Ministri): cassa integrazione o altri ammortizzatori sociali (a titolo esemplificativo: cassa integrazione guadagni, Cassa Integrazione in deroga, fondo di integrazione salariale, patti di solidarietà locale); disoccupazione, a cui è seguita la Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) e Patto di Servizio Personalizzato (PSP); partita IVA individuale attiva (libero professionista o ditta individuale), quale attività prevalente, e aver subìto un calo di fatturato/corrispettivi di almeno 1/3 tra 1° marzo - 31 ottobre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. In alternativa aver attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019.

Tutti i requisiti, compresi quelli professionali, devono sussistere in capo al componente del nucleo familiare che presenta la domanda e devono essere ancora posseduti alla data di presentazione della domanda. Sarà accettata esclusivamente una sola domanda per nucleo familiare.

Per qualsiasi chiarimento o informazione gli interessati possono chiamare: il Call center di Regione Lombardia 800 318 318 digitando 1 (Numero Verde gratuito da rete fissa), oppure 02 3232 3325 da rete mobile e dall'estero. Orari: dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle 20.00, esclusi i festivi; il Call Center di Bandi Online al numero verde 800 131 151, operativo dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle 20.00 esclusi i festivi, per le richieste di assistenza alla compilazione on-line e per i quesiti di ordine tecnico sulle procedure informatizzate; il numero 02 67652000 (operativo dall' 8 aprile 2021 al 30 aprile 2021), dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30, e il venerdì dalle 9.30 alle 12.30, dedicato ai chiarimenti sui contenuti dell'avviso, oppure inviare una mail a misurefamiglia@regione.lombardia.it .

REDAZIONE 15 apr 07:49