lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di LUCIANO FEBBRARI 21 giu 07:15 Ultimo aggiornamento 20 giu 12:15

Signore decidi tu cosa fare di me

Sabato 22 giugno, a Roma, il bresciano Francesco Montini viene ordinato sacerdote nella Fraternità San Carlo

Sabato 22 giugno mons. Paolo Pezzi, arcivescovo della Madre di Dio a Mosca, ordinerà a Roma due nuovi sacerdoti e cinque diaconi della Fraternità san Carlo. Tra i nuovi sacerdoti c’è don Francesco Montini, 37 anni, originario di Rodengo Saiano. Determinante nella sua scelta l’incontro con Comunione e Liberazione durante l’Università. “Mi attaccai a loro per comodità fino a quando un giorno mi resi conto che la fede che i miei genitori mi avevano insegnato, con il movimento prendeva un respiro più ampio e profondo. Fu il mio sì a Cl. Anni belli, di incontri, di presenza viva in università. Quanti volti, quante storie incontrate e il ragazzo che mi presentò al responsabile del Clu il mio primo giorno di Cattolica lo ritrovai più di dieci anni dopo con la sua famiglia durante il ritiro a Vitorchiano per il mio diaconato”. Dopo la laurea la scelta di lavorare come giornalista prima di accorgersi che, forse, il Signore si aspettava altro. Poi un giorno, alla fine di aprile del 2011, dopo un colloquio con don Massimo Camisasca, “dissi il mio sì. Mi sentii amato. Era una domenica di primavera, un cielo azzurro, il primo caldo. Lì mi resi conto di come Dio, il mio cuore e la mia ragione stessero tutti sullo stesso piano. ‘Signore, ti do il mio sì, decidi tu cosa fare’”. Nel suo cammino verso il sacerdozio ha incrociato molte persone. “Sei anni in Boccea, tantissimi volti che hanno fatto un pezzo di strada con me. Gli anziani dell’ospizio, le famiglie del quartiere romano Spallette, i ragazzi del carcere minorile o quelli delle medie della Magliana, come le persone incontrate nell’anno in Kenya o nell’estate a Vienna o in questi due anni di Spagna. Un filo rosso che unisce tutto. Non solo Dio aveva messo un seme nel mio cuore, ma mi ha anche sempre protetto e non ha permesso che si spezzasse. Dentro il mio sì, il 22 di giugno, c’è il sì di tutti quelli che ho incontrato”. Don Francesco, domenica 30 giugno alle 10.30, celebrerà la sua Prima Messa nell’Abbazia di Rodengo Saiano.

LUCIANO FEBBRARI 21 giu 07:15 Ultimo aggiornamento 20 giu 12:15