lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Roma
di MASSIMO VENTURELLI 16 nov 08:03

Tutti i numeri delle migrazioni forzate

Viene presentato questa mattina l'edizione 2016 del Rapporto sulla Protezione internazionale in Italia curato da Fondazione Migrantes, Anci, Caritas Italiana, Cittalia e Servizio Centrale dello Spra

Più di 160mila. Tanti sono gli immigrati che dall’inizio di questo 2016 sono sbarcati sulle coste italiana tutti ufficialmente in cerca di protezione internazionale. La politica da tempo è divisasulla loro accoglienza e sulla presenza dei requisiti per la concessione dello status di rifugiato. Un dibattito, spesso polemico, che potrebbe trovare un utile strumento nel Rapporto sulla Protezione internazionale in Italia curato da Fondazione Migrantes, Anci, Caritas Italiana, Cittalia e Servizio Centrale dello Sprar. L’edizione 2016, che viene presentata questa mattina a Roma, fa il punto sul fenomeno dei migranti forzati nel mondo e su quello dei richiedenti protezione internazionale in Italia e in Europa, con un importante focus sulla salute mentale e immigrazione nel Paese.


Nel 2015 e nel primo semestre del 2016 si sono acuite e cronicizzate molte situazioni di guerra: si contano 35 conflitti in atto e 17 situazioni di crisi.


Tali scenari di guerra provocano la fuga di un numero tanto maggiore di persone quanto più lungo e cruento diventa il conflitto o quanto più perdurano nel tempo situazioni di insicurezza, violenza e violazione dei diritti umani.

Nel mondo, nel corso del 2015, sono state costrette a fuggire dalle loro case, circa 34mila persone al giorno: in media 24 persone al minuto.



Altri motivi di fuga sono costituiti dalle disuguaglianze economiche, dalle disuguaglianze nell’accesso al cibo e all’acqua, dal fenomeno del cosiddetto land grabbing (la sottrazione di terreni produttivi nei paesi più poveri) e dall’instabilità creata dagli attentati terroristici.


Nel 2015 sono stati 65,3 milioni i migranti forzati nel mondo, di cui 21,3 milioni di rifugiati, 40,8 milioni di sfollati interni e 3,2 milioni di richiedenti asilo.


Nello scenario mondiale, i Paesi che accolgono il maggior numero di rifugiati si trovano in regioni in via di sviluppo. La Turchia si conferma il Paese che ospita il maggior numero di rifugiati con 2,5 milioni di persone accolte, rispetto agli 1,6 milioni dello scorso anno; la Siria è il primo paese di origine con 4,9 milioni di rifugiati.


MASSIMO VENTURELLI 16 nov 08:03