lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 21 gen 15:07

L’impatto del digitale sulla manifattura

Ascolta

Al via il nuovo Master Advanced Manufacturing Technologies organizzato da Isfor e Università degli Studi di Brescia, in collaborazione con InnexHub e Afil.

Al via il nuovo Master Advanced Manufacturing Technologies organizzato da Isfor e Università degli Studi di Brescia, in collaborazione con InnexHub e Afil. Si tratta di un Master che deriva dall’evoluzione del Corso di Perfezionamento, progettato e realizzato dagli stessi partner, a partire dal 2017: “Manifattura 4.0: evoluzione, contenuti, tecnologie e management”, Master che ha formato, in due edizioni, oltre 50 Innovation Manager, Chief Digital Officer, IT Manager, Direttori e Responsabili della Produzione delle più importanti imprese del territorio.

Il percorso formativo è dedicato alle imprese che vogliono comprendere a fondo le opportunità di business derivanti dalla trasformazione digitale e dal conseguente riposizionamento delle proprie realtà in termini di qualità ed efficienza.

L’obiettivo è quello di accompagnare imprenditori e dirigenti, ma anche quadri e tecnici, in un percorso che si concentra sulle tecnologie digitali più innovative e promettenti e fornisce indicazioni metodologiche sulla loro applicazione e sugli aspetti strategici e gestionali che esse indirizzano.

“L’impresa intelligente è, di fatto, un’impresa connessa dove macchine, persone e sistemi informativi interagiscono per produrre in maniera nuova, innovativa e ottimizzata” dice Loretta Forelli, Presidente Fondazione AIB. “Per affrontare questo delicato processo di trasformazione digitale è assolutamente necessario formarsi”.

"La digitalizzazione del sistema produttivo – commenta il Prof. Emilio Sardini, Direttore del corso di formazione e Ordinario del Dipartimento Ingegneria dell’Informazione dell’Università degli Studi di Brescia – rappresenta una delle principali missioni del Recovery plan, al centro, dunque, degli investimenti chiesti all’Europa per modernizzare il Paese e farlo ripartire. Con il percorso formativo “Advanced Manifacturing Technologies”, l’Università degli Studi di Brescia e la sua Scuola di Alta Formazione, SMAE - School of Management and Advanced accolgono le sfide dell’industria 4.0, mettendo a disposizione le proprie competenze per la formazione di professionalità di alto livello, rispondenti ai nuovi paradigmi aziendali, e per il trasferimento dei contenuti più innovativi al territorio”.

“Nella mia azienda ho iniziato un percorso di digitalizzazione circa tre anni fa” dice Angelo Baronchelli, Presidente InnexHub. Sono partito chiedendomi quali sarebbero stati i miei clienti su un orizzonte decennale e, successivamente, se la mia organizzazione fosse pronta ad affrontare le sfide di questo futuro mercato.

Credo perciò sia di grande importanza sensibilizzare e formare imprenditori e consulenti sulle potenzialità e sulle possibilità che la digitalzzazione porta con sé. L’obiettivo che dobbiamo porci non è capire come saremo domani, ma piuttosto che cosa ci verrà chiesto di essere entro il 2030. Prima le aziende investiranno in formazione, meglio sarà”.

“La promozione della manifattura avanzata è un passaggio fondamentale per la crescita delle imprese del territorio”, sottolinea Diego Andreis, Presidente di AFIL. “La costruzione di iniziative di formazione e diffusione da parte degli attori chiave del sistema industriale e della ricerca rafforza la posizione della manifattura lombarda e la costruzione di valore per il territorio”

Il corso è strutturato in tre moduli, facilmente fruibili anche da chi è impegnato quotidianamente nelle attività lavorative, grazie ad un mix di modalità didattiche che prevede webinar, lezioni in presenza e laboratori.

La prima sezione tematica, introduce l’importanza del digitale nella manifattura del futuro.

La seconda si occupa invece di manifattura additiva, comunicazioni industriali, integrazione degli oggetti all’interno di un’architettura informativa industriale, tecnologie innovative sensoristiche che permettono di strumentare i prodotti e abilitare l’intelligenza artificiale, Big data e IoT, Intelligenza Artificiale e Robotica collaborativa.

La terza, infine, affronterà gli aspetti strategici e gestionali che devono essere considerati prima di avviare un programma di trasformazione digitale della fabbrica, anche attraverso testimonianze di imprese che hanno già affrontato il cambiamento. Si parlerà dunque di una nuova organizzazione della cosiddetta “fabbrica intelligente”.

Per garantire l’elevato standard formativo è prevista la partecipazione di docenti di grande spessore provenienti dall’Università di Brescia, da ISFOR, dal Politecnico di Milano e dall’Università degli studi di Genova e di testimonial di successo dal mondo dell’impresa.

Advanced Manufacturing Technologies è il primo di quattro percorsi dedicati alla tecnologia nel manifatturiero del futuro. In programma, nei prossimi mesi, anche Big Data Management e Data Analytics, Industrial IoT: dai sensori al Cloud, Additive Manufacturing e Funzionalizzazione dei Prodotti.

Per maggiori informazioni: www.isfor2000.com; info@isfor2000.it

REDAZIONE 21 gen 15:07