lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di PAOLA POLLINI 30 lug 15:45

Le mamme del Garda e del Chiese unite

Le mamme del Lago di Garda accolgono l' appello delle mamme del Chiese al fine di difendere tutte insieme  i propri territori, consapevoli del fatto che il progetto che si vuole imporre non risolve i problemi del Lago e reca danno al fiume Chiese.

L' iter lunghissimo, che da sei anni a questa parte vede coinvolti i comuni dell' asta del Chiese, quali sedi dei maxi depuratori del Garda ( prima Visano, poi Muscoline, ed ora Gavardo e Montichiari) fa chiaramente intendere che si è perso tempo prezioso per giungere ancora a soluzioni inadeguate!!

Come cittadine ci  siamo poste la perplessità di questo assurdo progetto che nulla ha a che vedere con il miglioramento delle acque del lago di Garda, ma sottrae solo risorse per gli eventuali ammodernamenti delle linee esistenti e dei nuovi tratti fognari, i tratti fognari che mancano in molti paesi del lago di Garda con conseguenti sversamenti in fossi che poi arrivano direttamente a lago.

Per informare sulla questione del  maxi depuratore del Garda a Gavardo, noi mamme del Garda,  avevamo organizzato in autunno degli incontri a Moniga e Manerba del Garda con il comitato GAIA ed il  Comitato Acqua pubblica Brescia. Questo per far conoscere il grave danno ambientale che noi gardesani andremo a provocare al fiume Chiese.

Altro discorso da non sottovalutare è l''aumento pari al 50% sulla bolletta idrica che saranno costretti a sborsare gli utenti  per i prossimi decenni.

Ci sembra pertanto importante aderire all'appello delle mamme del Chiese e stringerci in una battaglia di tutela del territorio dal momento che viviamo tutti sulla stessa terra ! Proteggerla da speculazioni è un nostro dovere di cittadini che hanno a cuore il proprio futuro e quello delle generazioni che verranno.

PAOLA POLLINI 30 lug 15:45