lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di PAOLO ANGELO NAPOLI 11 set 08:09

Giudice robot

Sete di giustizia, giudice robot. Anche oggi se ne parla. Qualche passo in questa direzione sì è stato percorso: dal codice di Hammurabi (occhio per occhio, dente per dente) all’articolo 27 della nostra Costituzione secondo cui la pena deve tendere alla rieducazione del condannato, perché “occhio per occhio rende il mondo cieco”. Così ricordava Gandhi, così insegnava Gesù. Ho questa convinzione: anzitutto il legislatore, poi il giudice, dovrebbe, anzi deve coltivare in se un religioso desiderio di giustizia e deve avere e continuamente curare la necessaria conoscenza delle norme esistenti perché chi subisce torti dai potenti non debba sperare solo “in un giudice a Berlino”.In materia civile i numeri, i conti, il dare e l’avere, si accompagnano al diritto, e il giudice stanco o inesperto può essere sedotto dall’ apparente saggezza dell’incorruttibile giudice Brigliadoca, che “tirava le sentenze ai dadi” perché, come insegna Rabelais in “Gargantua e Pantagruele”, almeno una su due la indovinava.

Dobbiamo o possiamo allora sperare nel giudice robot? Oggi, tempi di Big Data, c’ è chi l’ha fatto: in Estonia, la piccola Repubblica sul Baltico, le controversie di minore rilievo (sino ai settemila euro) sono affidate appunto al cervello elettronico che, confrontando leggi, dati, precedenti sentenze di grado superiore inerenti per materia, giudica con sentenza, però almeno per ora appellabile. Anche in Cina così avviene, e il giudice-computer, come un ologramma, con le stesse funzioni del “collega” Estone, affianca i giudici in carne e ossa. Ho comunque questa certezza: il giudice robot non può nutrire sentimenti religiosi, non può avere sete di giustizia. Semplicemente dovrebbe essere “terzo e imparziale”, frustrando i tentativi di chi, avendo torto marcio, promuove liti temerarie, sapendo che una volta radicata, una causa è destinata all’eternità.Perché, così affermava Alfredo Biondi, avvocato e a suo tempo Ministro della giustizia, “al giudice si rivolge soprattutto chi ha torto".

PAOLO ANGELO NAPOLI 11 set 08:09