lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE ONLINE 04 mar 00:00

Ecomafie: a maggio missione d'inchiesta a Brescia. L'intervento di Miriam Cominelli

Nel maggio prossimo prenderà il via una missione conoscitiva con un focus d'indagine sulle bonifiche e l'interramento di rifiuti sotto le strade

"Quella di Brescia è una vera emergenza nazionale e come tale va trattata. Oggi, finalmente, dopo mesi di interrogazioni, richieste e pressione parlamentari sono riuscita ad ottenere da parte della presidenza della Commissione bicamerale d’inchiesta sui traffici illeciti di rifiuti l’impegno a calendarizzare entro l’estate, probabilmente nel prossimo mese di maggio, una missione conoscitiva nel nostro territorio, con un focus di indagine rivolto al tema delle bonifiche e dell’interramento di rifiuti sotto le strade”, è quanto annuncia Miriam Cominelli, parlamentare bresciana del PD e membro della Commissione di inchiesta sulle ecomafie.

“La fotografia scattata sul nostro territorio dai numerosi servizi dei media nazionali, da ultimo il TG1 di ieri sera”, prosegue Cominelli, “restituisce una situazione di grave allarme ambientale, purtroppo già tristemente nota ai cittadini e alle tante associazioni che operano nel bresciano. Dalle troppe discariche illegali che segnano tutto il territorio, alla vergognosa situazione della Bre.be.mi alla pesante eredità della Caffaro: tutte situazioni che hanno fatto guadagnare alla nostra provincia il terribile appellativo di “Terra dei fuochi del nord”. E’ una situazione di particolare gravità e sicuramente la missione della Commissione d’inchiesta segnerà un momento di grande importanza per fare chiarezza, mappare le situazioni a rischio, valutare l’entità del danno e procedere alle necessarie bonifiche per la salute dei cittadini e dell’ambiente. La provincia di Brescia e i suoi cittadini devono conoscere la verità per poter costruire un futuro libero dai veleni seminati dalla malavita organizzata in accordo con imprenditori rapaci e senza scrupoli”.
REDAZIONE ONLINE 04 mar 00:00