lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Ecuador
di REDAZIONE 29 mag 07:17

Voltolini, voti temporanei come monaco

Il bresciano mons. Lorenzo Voltolini, dopo sei mesi da Postulante e un anno di Noviziato, nella giornata di oggi emette i voti temporanei come monaco trappista nel monastero cistercense di Santa Maria del Paradiso in Ecuador

Mons. Lorenzo Voltolini, dopo sei mesi da Postulante e un anno di Noviziato, nella giornata di oggi emette i voti temporanei come monaco trappista nel monastero cistercense di Santa Maria del Paradiso in Ecuador. Il 29 maggio di 72 anni fa riceveva il sacramento del battesimo. "La professione, dai Padri del Deserto, era considerata - spiega Voltolini - un secondo battesimo, perchè in essa il monaco vive una nuova nascita e l'inizio di una nuova e più profonda sequela di Cristo come lui la visse, insegnò e propose ai suoi più intimi amici mediante la separazione dal mondo, la preghiera, la castità consacrata, il distacco dalle ricchezze, la rinuncia alla propria volontà e la stabilità in una comunità concreta".

Ha scelto una data significativa, il 29 maggio, giorno in cui si fa memoria di San Paolo VI. "Questa coincidenza, liturgica e storica, mi fa ricordare che tutti i regali che abbiamo potuto ricevere nella Chiesa (cresima, eucaristia, penitenza, sacerdozio ed episcopato) sono stati possibili grazie al battesimo che abbiamo ricevuto e come sviluppo di quanto nel battesimo ci è stato dato come germe. Questa Professione, per ancora semplice e temporanea, non mi dà uno status superiore a quello di qualsiasi battezzato; è, come dice la Regola di San Benedetto, una promessa di "Conversatio morum", conversione di vita, secondo il cammino che mi offre la vita monastica".

La notizia della Professione arriva in un momento in cui il "mondo sta tentando un ritorno graduale alla normalità, anche se la pandemia continua a seminare dolore e morte non solo nel nostro Paese. In Monastero stiamo pregando senza sosta perchè l'umanità riesca ad uscirne rinnovata e orientata positivamente, con propositi concreti di conversione come ha suggerito più volte il Santo Padre". 

Mons. Voltolini, classe 1948 e originario di Poncarale, nel 2018 aveva lasciato la Diocesi di Portoviejo, che aveva guidato come Arcivescovo dal 2007, per concentrarsi sulla preghiera incessante. Gli anni della professione temporanea sono un periodo di ulteriore formazione e approfondimento della peculiarità della via monastica come esperienza di vita evangelica.

REDAZIONE 29 mag 07:17