lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 14 ott 08:48

Io non rischio

L’edizione 2016 in Lombardia, dedicata ai rischi terremoto e alluvione, si svolgerà il 15 e 16 ottobre in 53 piazze lombarde distribuite in 50 Comuni, 10 le piazze bresciane

“Il sistema più efficace per difendersi da un rischio è conoscerlo. Sabato e domenica in 53 piazze lombarde, tra cui 10 in provincia di Brescia, oltre 600 volontari informeranno la popolazione sui rischi di terremoto e alluvione e su come comportarsi in caso di necessità”. Così l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia Simona Bordonali ha presentato oggi le iniziative messe in campo sul territorio lombardo in occasione di “Io non rischio”, campagna di comunicazione promossa dal Dipartimento nazionale della Protezione Civile e dalla Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze e volta a informare i cittadini su materie di protezione civile. L’edizione 2016 in Lombardia, dedicata ai rischi terremoto e alluvione, si svolgerà il 15 e 16 ottobre in 53 piazze lombarde distribuite in 50 comuni.

“I volontari non si limitano a lasciare il materiale informativo alle persone, ma si fermano a parlare con loro, illustrano il problema e rimangono a disposizione per eventuali domande e chiarimenti sui rischi presenti sul territorio” ha aggiunto Bordonali.

La Regione Lombardia si è attivata per sensibilizzare i Sindaci dei 50 comuni che ospitano l’iniziativa e per coordinare e agevolare i Volontari formatori e i volontari responsabili delle Piazze. Sono circa 600 i volontari lombardi che scenderanno nelle piazze, dopo un percorso formativo durato cinque mesi.

“La Regione Lombardia si sta adoperando molto per la prevenzione del rischio sismico e per la diffusione di una nuova cultura della sicurezza. Abbiamo investito 6 milioni di euro per l'adeguamento strutturale degli edifici strategici e rilevanti, abbiamo introdotto una nuova zonazione sismica del territorio regionale e realizzato la nuova normativa nel campo delle vigilanza sismica. È chiaro però che tutti questi interventi vanno accompagnati da una presa di coscienza del rischio da parte della popolazione” conclude Bordonali.

Ecco le piazze bresciane

1.BORGO SAN GIACOMO - Sono presenti in piazza i volontari di ANPAS per parlare del rischio Terremoto

2.BOVEZZO - Sono presenti in piazza i volontari del Gruppo comunale per parlare del rischio Alluvione

3.BRESCIA – Sono presenti presso i Portici X Giornate i volontari di CISOM per parlare del rischio Terremoto

4.COLOGNE - Sono presenti in piazza Giuseppe Garibaldi i volontari del Gruppo comunale per parlare del rischio Alluvione

5.GAVARDO - Sono presenti in piazza De Medici i volontari del Gruppo comunale per parlare dei rischi Terremoto e Maremoto

6.LENO - Sono presenti in piazza Cesare Battisti i volontari del Gruppo comunale per parlare del rischio Alluvione

7.PISOGNE - Sono presenti in piazza Umberto I i volontari del Gruppo Soccorso Sebino - Volontari Di Protezione Civile per parlare del rischio Alluvione

8.PROVAGLIO D'ISEO - Sono presenti in piazza i volontari del Gruppo Comunale per parlare dei rischi Terremoto e Maremoto

9.ROÈ VOLCIANO - Sono presenti in Via Guglielmo Marconi, 56 i volontari dell’Associazione Volontaria P.C. Roè Volciano Onlus per parlare dei rischi Terremoto e Maremoto

10.SALÒ - Sono presenti in piazza i volontari di CRI per parlare del rischio Terremoto.


REDAZIONE 14 ott 08:48