lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Stresa
di REDAZIONE 10 giu 14:55

Premio al quintetto di ottoni Antegnati

Nell'ambito del 37° Concorso Internazionale di Musica Città di Stresa la formazione degli allievi del Conservatorio Marenzio di Brescia ha ottenuto un prestigioso riconoscimento per la sezione Musica da Camera

Il 6 giugno scorso si è svolta la premiazione del 37° Concorso Internazionale di Musica Città di Stresa. Nella sezione Internazionale Musica da Camera si è distinto il quintetto d’ottoni Antegnati unica formazione bresciana presente alla selezione, che ha conquistato il terzo piazzamento con punti 85 su 100. Il Quintetto è formato dagli allievi del Conservatorio Luca Marenzio di Brescia, i cui componenti sono (in ordine alfabetico): Davide Bottarelli tromba, Alessandro Cordini trombone, Nicolò Libretti tromba, Silvia Polise tromba, Gianmarco Maria Zambelli corno francese. Gli studenti frequentano il corso del professore Giovanni Sora, titolare della classe di Musica d’insieme per strumenti a fiato presso il Conservatorio di Brescia. Il programma in concorso ha offerto all’ascolto brani di Adriano Banchieri, Paul Pewerl, oltre a un omaggio al bresciano Costanzo Antegnati celebre organaro del XVI sec. ma anche apprezzato compositore di musiche vocali e strumentali, oltre che organista del duomo di Brescia per oltre vent’anni.

La Commissione del Concorso Internazionale per la sezione musica da camera è stata presideduta da Dora Filippone presidente, da anni importante interprete di musica per chitarra e mandolino, coadiuvata da: Sandro Volta, Mauricio Souza (Brasile) e Rubens Kuffer (Svizzera/Brasile). “Partecipare a un concorso di musica - ha puntualizzato Gianmarco Zambelli - è l’occasione per confrontarsi con gli altri, ricevere un riscontro da rinomati specialisti del settore, abituarsi a sostenere lo stress di un’esecuzione qualificante. Le prove per prepararci sono state fatte in aggiunta al normale carico di lavoro svolto nella classe di musica d’insieme. È stato un impegno intenso che ci ha fatto sperimentare un affiatamento e una preparazione davvero soddisfacenti”.

REDAZIONE 10 giu 14:55