lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Duomo di Rovato
di DANIELE PIACENTINI 11 ott 12:15

Duomo: le campane tornano a suonare

Nella frazione di Duomo sono state restaurate le campane e il campanile. La cerimonia di inaugurazione si è aperta con il concerto delle nuove campane

Domenica 7 ottobre sono state benedette le campane restaurate della chiesa della frazione di Duomo, la più popolosa a capitale della Franciacorta: oltre duemila abitanti, un piccolo paese nel paese. La cerimonia ha preso il via alle 9.30 con il concerto delle nuove campane sul sagrato della chiesa di duomo. Poi la Santa Messa, il pranzo in oratorio con tutta la comunità e, nel pomeriggio, la festa per bambini e famiglie.

Alla celebrazione, presieduta dal prevosto di Rovato, monsignor Cesare Polvara, ha partecipato anche il sindaco Tiziano Belotti, con gli assessori e la comandante della Polizia Locale, Silvia Contrini. Il restauro, realizzato grazie alle donazioni raccolte dalla Parrocchia, retta dal 2003 da don Leonardo Ferraglio, si è reso necessario per rimettere in asse le campane a seguito dei problemi strutturali del campanile, edificato tra il 1601 e il 1604 assieme alla chiesa. Le campane attuali sono invece datate 1949, visto che le precedenti furono fuse durante il periodo del secondo conflitto mondiale, sotto il regime fascista. “Vogliamo restituire a Duomo - recita il volantino  di don Ferraglio e dei parrocchiani - la bellezza dei suoi monumenti nella convinzione che ciò possa contribuire allo sviluppo della fede nella nostra Parrocchia e alla gioia di appartenervi, nel rispetto della memoria degli antenati, che hanno fatto tanti sacrifici per dare a Duomo la giusta dignità”.

Non solo campane, comunque, a Duomo: anche il campanile è finto sotto i ferri grazie alla solidarietà. Lavori attesi da lungo tempo visto che già durante la costruzione della struttura, a inizio XVII secolo, si registrò un crollo parziale, a cui si cercò di porre rimedio attraverso l'innalzamento del blocco originario, con un ulteriore peso accumulato, però, sulla fragile parte inferiore. Da qui la necessità di mettere mano alla struttura, sistemando la muratura, le scale e i piani inframmezzati, con un campanile più bello, vissuto e sicuro.

DANIELE PIACENTINI 11 ott 12:15