lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Corte Franca
di GRAZIELLA PEDRUZZI 05 giu 16:25

L'unione fa la forza: tre scuole insieme

Ascolta

Le nascite sono sempre meno, i costi di gestione delle realtà di scuola paritaria sempre più importanti… che fare? L’intuizione vincente del gruppo dei componenti dei tre Cda delle tre scuole materne di Corte Franca: fare rete

Tre scuole dell’infanzia situate in tre frazioni vicine,  in un paesaggio collinare meraviglioso: la Franciacorta.  Tre scuole dell’infanzia radicate sul territorio che fungono  da collante per la comunità.

Ma i tempi cambiano ossia le nascite sono sempre meno, i costi di gestione delle realtà di scuola paritaria sempre più importanti… che fare?

L’intuizione vincente del gruppo dei componenti dei tre C.d.A.: fare rete. Insieme unendo le forze realizzando un unico C.d.A. si potrebbero ottimizzare spese e risorse, così da garantire la sopravvivenza delle realtà scolastiche.

L’imprevisto: un imprenditore del territorio, un benefattore, che ha a cuore la realtà sociale in cui vive, esprime il desiderio al Comune di Corte Franca di “donare” una scuola nuova, che dovrà essere adibita a servizi per l’infanzia ad ispirazione cristiana. Il suo desiderio è di intitolarla alla figlia prematuramente scomparsa.

Ecco dunque l’occasione per unire le tre realtà scolastiche in un'unica struttura.

Progetto entusiasmante ed ambizioso… ma ci sono dei ma.

Quando le scuole dell’infanzia sono così ben radicate nella realtà territoriale, diventa difficile far capire alle famiglie che il cambiamento produrrà solo migliorie. Altro ostacolo sarà far coincidere la proposta didattica dei tre plessi perché, pur condividendo lo stesso progetto educativo, la modalità della proposta non è uguale.

Il nuovo C.d.A. chiede aiuto alla Fism di Brescia, affinché possa essere affiancato in questo passaggio molto delicato. Il sostegno richiesto non si limita alla consulenza legale e normativa, ma viene richiesta anche una figura che possa affiancare le insegnanti per aiutarle a conoscersi e superare le differenze metodologiche. Lo scopo è quello di iniziare a costruire un collegio docenti unito, che condivida la stessa idea di bambino e di scuola. Un team docenti pronto a collaborare quando i tre plessi si trasferiranno nella nuova struttura.

Il lavoro è stato avviato e ancora si sta realizzando:

la nuova struttura è in costruzione, il Cda sta lavorando intensamente per garantire la futura apertura dei servizi nella nuova scuola nel rispetto della normativa, le insegnanti si stanno conoscendo ed imparando a lavorare insieme, le famiglie stanno superando la diffidenza verso la futura realtà.

Certo il cammino fin qui non è stato facile, gli ostacoli incontrati sono stati e sono ancora molti, ma con determinazione tutti insieme si sono trovate soluzioni per superarli.

Ad esempio, i tre plessi scolastici hanno uniformato la documentazione scolastica, gli appuntamenti istituzionali con le famiglie, aver scelto di arricchire la proposta formativa con gli stessi laboratori/progetti, concordare il tema della progettazione annuale. Ancora: sono state fatte feste e gite scolastiche insieme e non divisi nei tre plessi, per dare un senso di comunità coesa. Sono solo alcuni esempi delle azioni messe in campo, che stanno portando verso la realizzazione di un collegio docenti che sa collaborare pur mantenendo le proprie peculiarità professionali, con la consapevolezza che  queste ultime sono arricchimento per l’intero team docente.

La strada è ancora lunga, ma l’intuizione, la passione, l’intelligenza, la caparbietà messe in campo dai componenti e dalla Presidente del C.d.A., che hanno saputo coinvolgere il Comune, la Parrocchia, la FISM, sostenitori e benefattori, famiglie, popolazione, territorio, dimostra che la realizzazione del progetto/sogno è possibile, basta crederci fino in fondo.

Oggi la realizzazione della scuola, prevista per giugno 2020, è stata interrotta dall’emergenza coronavirus, ma verrà ripresa appena possibile. “Tutto andrà bene”.

Si vince tutti insieme.

L’unione fa la forza!

GRAZIELLA PEDRUZZI 05 giu 16:25