lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Castegnato
di VITTORIO BERTONI 01 ago 10:02

Le suore, dono grande

Ascolta

Dopo 135 anni le Suore di Maria Bambina lasciano Castegnato dove sono state impegnate alla materna e nelle opere di carità. Il 15 settembre il saluto ufficiale della comunità

Dopo 135 anni le Suore di Maria Bambina (nella foto con i sacerdoti ordinati nel 1966 tra cui mons. Domenico Sigalini) lasciano Castegnato. La notizia è stata accompagnata da sentimenti di gratitudine e insieme di dispiacere a testimonianza di quanto sia sentita la presenza delle religiose. Una presenza iniziata nel 1884 nel Conservatorio-Collegio di via Collegio e proseguita senza soluzione di continuità in parrocchia, alla scuola materna “Regina Margherita” e in altri settori di servizio, formazione e carità.

La storia dell’edificio risale al 1699 con la creazione del Conservatorio per citelle, cioè ragazze che, non avendo vocazione di legarsi con i voti, sentivano il bisogno di fare vita ritirata. Il Conservatorio diviene in seguito Collegio per le figlie di famiglie nobili privi di dote. Subisce varie trasformazioni fino allo scioglimento napoleonico del 1736. Nel 1749 la nobildonna Martinengo dà vita all’educandato femminile. Nel 1858 l’opera viene assunta dalle Suore maestre Dorotee di Brescia e finalmente nel 1885 le Suore di Carità delle Beate Capitanio e Gerosa vi trasferiscono una succursale dell’Istituto “Casa Provvidenza” di Brescia destinata alla correzione delle ragazze traviate e diretta da suor Faustina Baraggi, definita “saggia, prudente, di cuore generoso, che faceva proprie le sventure altrui con doni significativi, con divertimenti e passeggiate per rendere meno disagevole la loro permanenza”. La casa riformatorio rimane aperta per quattro anni. In seguito alla necessità di trasferire da Lovere le suore anziane, lo stabile viene acquistato e trasformato secondo le esigenze sanitarie per il sollievo e le cure. Fin dall’inizio le religiose collaborarono con la parrocchia, mettendo a disposizione alcuni locali per l’oratorio, per la catechesi e per la scuola di lavoro, molto frequentata dalle ragazze e apprezzata dalle famiglie del paese. Nel 1895 le suore danno avvio all’Asilo infantile parrocchiale “Regina Margherita” staccandosi ogni mattina dalla comunità e ritornandovi alla sera. Nel 1952, su volontà di madre Angiolina Reali, venne inaugurata la chiesa. Nella casa di Castegnato sono avvenuti quattro miracoli, operati dalle Sante fondatrici. Parrocchia e Comune, con il Comitato di San Vitale, a maggio hanno dedicato una mostra alla storia dell’edificio ed alle suore di Maria Bambina e dato alle stampe un fascicoletto con cenni storici, fotografie e immagini dal 1669 sino ad oggi. Il 15 settembre sarà tributato il saluto ufficiale, un doveroso segno di riconoscenza di una presenza che rimarranno parte integrante della storia e della comunità locale.

VITTORIO BERTONI 01 ago 10:02