lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Italia
di ELISA GARATTI 11 giu 08:30

Gli azzurri ci faranno sognare?

Anche se con un anno di ritardo a causa dell’emergenza Covid-19, è finalmente tutto pronto per il calcio d’inizio degli Europei 2021. Giunti alla loro 16ª edizione (e seconda consecutiva aperta a 24 nazionali), i Campionati europei saranno inaugurati dalla nostra nazionale nella partita dell’11 giugno a Roma, che vedrà l’Italia sfidare la Turchia. Sarà un’edizione ricca di novità: per la prima volta in assoluto, il torneo non si disputerà in un unico Paese, ma calcherà il prato dell’Olimpico di Roma, dell’Allianz Arena di Monaco, ma anche degli stadi di Amsterdam, Bucarest, Budapest, Copenaghen, Glasgow, Siviglia, San Pietroburgo e Baku (Azerbaijan). Il magnifico stadio Wembley di Londra ospiterà, invece, le semifinali e le finali della competizione. Non solo: la rosa è stata ampliata a 26, per ridurre il rischio che le squadre si trovino a corto di giocatori per eventuali positività. Comunque, sarà soprattutto una prova di rinascita: con gli stadi aperti al pubblico per il 25% della loro capienza, i match ritorneranno a percepire un debole profumo di normalità. Un mese esatto, con un condensato di 21 partite: la finale è, infatti, prevista per il prossimo 11 luglio a Wembley, ma l’entusiasmo è già alle stelle. La nostra nazionale, che si presenta ad un torneo internazionale dopo cinque estati di stand by (avendo saltato gli ultimi mondiali), fa già sognare i tifosi. Gli azzurri di Mancini arrivano agli Europei con una valigia carica di gol e di vittorie. Nel Girone A, l’Italia dovrà affrontare Turchia (venerdì 11, ore 21), Svizzera (mercoledì 16, ore 21) e Galles (domenica 20, ore 18). Le prime due classificate di ciascuno dei sei gironi si qualificheranno agli ottavi di finale insieme alle quattro migliori terze. Abbiamo chiesto a Dino Zoff, indimenticato portiere della Juventus e della nostra nazionale, anche campione del mondo nella magica Spagna ‘82, e già allenatore degli azzurri nell’Europeo 2000, dove l’Italia perse in finale contro la Francia, cosa ne pensa di questa nazionale e quali siano le sue aspettative.

Dino Zoff, crede che la nostra nazionale possa far bene in questo Europeo?
Fin qui, nelle qualificazioni e nelle amichevoli, la nostra nazionale ha fatto particolarmente bene. Con questa striscia di risultati straordinari, mi sento molto fiducioso e penso che gli azzurri possano fare molto bene. Anzi, credo si possa pensare anche ai primi quattro posti.

Continua la lettura


ELISA GARATTI 11 giu 08:30