lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MARIO RICCI 03 feb 09:51

Icaro: bottino da 10 e lode

Sette ori, due argenti e un bronzo è il ricco bottino conquistato dalla società bresciana ai Campionati Italiani indoor paralimpici

Alla prima partecipazione in assoluto è stata una pioggia di medaglie. L’Icaro Sport Disabili torna in città da Ancona, dove a fine gennaio si sono svolti sotto i Campionati Italiani di atletica leggera indoor paralimpici, con un bottino di assoluto valore .

Sette ori, due argenti e un bronzo sono il frutto del lavoro di una squadra altamente competitiva e unita che, in seguito ai risultati ottenuti nel marchigiano, pone questa nuova realtà sportiva bresciana ai vertici nazionali

In pista atleti con handicap fisici e visivi che, insieme alle guide dotate di una perfetta sintonia, oltre al risultato prettamente agnostico hanno dimostrato il valore dello sport che unisce intenti sociali, ludici e aggreganti superando barriere culturali , molto più di mille convegni o tavole rotonde sul tema .

La manifestazione, nonostante le restrizioni dovute al Covid 19, si è svolta nel migliore dei modi con la partecipazione di numerose squadre e la presenza di azzurri paralimpici in preparazione alle prossime Olimpiadi di Tokio 2021. “Voglio ringraziare - sottolinea un soddisfatto presidente di Icaro Sport, Luca Savardi Danesi – tutto il gruppo che ha partecipato a questa trasferta che rende possibile un nuovo volo di questa società e darà la possibilità a tanti giovani con disabilità di avvicinarsi allo sport portando in alto i valori della nostra associazione

”Un grazie è andato anche agli “amici” dell’Asd Rovato Calcio che hanno concesso i pulmini per trasportare gli atleti ad uso gratuito (sgravando la società di un ulteriore costo, ndr) e al gruppo dell’Atletica Brixia che collabora in stretta sinergia con gli atleti di Icaro Sport . Va, inoltre, sottolineato che a ogni atleta –  in relazione alla propria disabilità –  viene attribuita una classificazione da una commissione medico sportiva, per permettere di gareggiare a tutti con le stesse possibilità fisiche o visive , di seguito le classifiche suddivise per categorie . Il bottino di Ancona non è altro che il plauso da attribuire ad atleti ,guide e tecnici che – in questi due giorni di gare – hanno espresso il meglio delle potenzialità nell’impianto marchigiano.

Da segnalare, tra questi, le ottime prestazioni sportive di Piera Loda (60 e 200 metri categoria T11), Sandra Inverardi (400 metri categoria T11), Luigi Bertanza (60 e 400 metri categoria T1), Davide Foglio (400 e 800 metri categoria T11) e Marco Zingarelli (800 e 1500 metri categoria T1) . “E’ stata una splendida esperienza in questa nuova disciplina – conclude il patron Savardi – ci auguriamo serva da volano e possa coinvolgere sempre più atleti. Soprattutto giovani, per nuove occasioni di sport e di vita”.

MARIO RICCI 03 feb 09:51