lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MARIO RICCI 18 set 10:42

New York chiama Brescia

Un progetto nato nel 2016 rivolto all’inclusione sociale e per abbattere ogni sorta di barriera. Oltre una ventina gli atleti che hanno iniziato a prepararsi per l'appuntamento nella Grande Mela

È la maratona più famosa del mondo, il sogno di ogni corridore. Anche quest’anno un pizzico di Brescia il 4 novembre sarà a New York. Atleti speciali che, grazie al lavoro del Rosa Team guidato dal dottor Gabriele Rosa, avranno la possibilità di abbandonare per qualche instante le problematiche relative alla disabilità.

Oltre una ventina i protagonisti che, dopo essersi sottoposti ad un primo test di valutazione funzionale in primavera, hanno iniziato a prepararsi per correre nella Grande Mela. Un progetto ambizioso reso possibile grazie al supporto di alcune aziende che hanno “adottato” una o più coppie più di runners. Aziende molto diverse fra loro ma accomunate da una visione rivolta all’inclusione sociale e all’abbattimento di ogni sorta di barriera. Progetto nato in via sperimentale nel 2016, che vedrà la partecipazione a New York di 5 ragazzi affetti da Sindrome di Down e dei loro accompagnatori. Due sono bresciani: Diego Zannier, che correrà a fianco del fratello Luca, e Alessndro Amato che sarà accompagnato dalla mamma Cecilia. Nel gruppo anche Maria Bresciani, giovane campionessa cremonese reduce dai mondiali in Canada dove ha strappato ben 14 medaglie. A New York sarà affiancata dalla sorella Chiara. E poi, da Riva del Garda, Lorenzo Zulberti con il padre Remo e Andrea Degli Esposti che parteciperà con la sorella Giulia. Non poteva mancare il veterano Niccolò Vallese di Asti, che sarà alla sua terza maratona, accompagnato da Alex Toselli, Presidente della Cooperativa Sociale Download - Albergo Etico. È stato proprio con Niccolò ed Alex, infatti, che il Dottor Rosa ha dato il via a questa iniziativa nel 2016. Ma non è tutto, perchè al via della corsa nella Grande Mela saranno presenti altri due bresciani con disabilità visiva, Luigi Bertanza e Marco Zingarelli, correranno al fianco delle loro guide Mattia di Beo e Alessandro Zani, con cui si allenano da tempo raggiungendo obiettivi sportivi di ottimo livello. Per tutti l’obiettivo rimane lo stesso: andare oltre il traguardo, correre i 42 km e 125 metri della maratona con la consapevolezza della fatica e della gioia di vivere un’occasione speciale. La preparazione è cominciata la settimana scorsa dal Centro Marathon di Brescia mentre in strada scalderanno i muscoli domenica 23 settembre la mezza maratona in Val Camonica e la Deejay Ten di Milano del 14 ottobre.

MARIO RICCI 18 set 10:42