lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Leno
di ELISA GARATTI 15 apr 13:31

Sofia e Sara, bresciane al Sei Nazioni

Due rugbiste bresciane brillano nell’Italdonne, in occasione del Sei Nazioni femminile, cominciato, per le italiane, sabato 10 aprile allo stadio Lanfranchi di Parma: sono Sofia Rolfi e Sara Seye, entrambe di Leno.

Rudimenti. Le due si sono approcciate al mondo del rugby praticamente insieme, imparando i rudimenti del gioco nelle giovanili del Cus Brescia, sotto la guida attenta di coach Amedeo Ghidini. Oggi sono pronte all’esordio in Nazionale. La giovane età non le spaventa: Sofia Rolfi è classe 2001 e Sara Seye è classe 2000.

“Per me, partecipare al Sei Nazioni è un’opportunità grandiosa. E farlo già ora, a soli 19 anni, è davvero pazzesco. Ancora non ci credo: sto vivendo un sogno” confessa Sofia Rolfi.

Emozioni. Le emozioni sono tante. “Non mi sarei mai aspettata questa chiamata, perché ci sono grandissime atlete che giocano nel mio ruolo e che hanno molta più esperienza di me e che sono più impattanti fisicamente. Riuscire a rapportarmi con loro da un punto di vista umano e tecnico è un grande privilegio, che non do per scontato. Le ho viste giocare in televisione milioni di volte: essere con loro mi sembra incredibile – sottolinea Sara Seye –. Cantare l’inno nazionale è stato indescrivibile: mi stavano per scendere le lacrime e il cuore batteva come non mai”.

Obiettivo. Nonostante la prima sconfitta con l’Inghilterra, le italiane vogliono fare bene. Un obiettivo importante per la squadra, ma anche per tutti i tifosi, soprattutto in un momento così difficile a causa della pandemia. “Devo dire che non è stato per niente facile restare motivata e concentrata in questo periodo difficile. Però, ho trovato molto sostegno da parte delle ragazze di Colorno dove gioco, come pure qui in nazionale. Ci aiutiamo e motiviamo a vicenda. È in momenti come questi che possiamo mostrare quanto il gruppo sia unito” continua Sofia Rolfi. Per il momento, testa e gambe sono concentrate sul campo e sul prossimo match. “Siamo focalizzate sulla partita di questo weekend e poi sulla successiva” dicono.

“Ai tifosi bresciani e italiani, questa Nazionale farà vedere quanto vale, quanto cuore, fatica, sacrificio e impegno mettiamo in tutto quello che facciamo, nonostante il triste periodo”. “Individualmente, mi aspetto di imparare molto e di maturare sia dentro che fuori dal campo” si augura Sofia Rolfi. Le sue parole fanno eco a quelle di Sara Seye: “Spero di avere la mia occasione per dimostrare ciò che valgo. Ho ancora molto da imparare e so che lavorando duro e impegnandomi, se è destino, questa occasione arriverà”.

A seguito delle modifiche al Sei Nazioni femminile causa Covid-19, l’Italdonne dopo il debutto di sabato 10 aprile concluderà la sua avventura internazionale con la trasferta a Glasgow contro la Scozia, in programma per il 18 aprile.

ELISA GARATTI 15 apr 13:31