lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Lumezzane
di MAURO TONINELLI 17 lug 14:05

ValVolley vola sulla Valtrompia

Il via ufficiale sarà dalla prossima stagione. Resta la centralità di Gardone per la Serie C, mentre la Prima Divisione sarà a Lumezzane

In Valtrompia prende vita una nuova realtà nel mondo della pallavolo: Valvolley. Nuova, ma non del tutto: “ValVolley nasce nel 2017 – racconta Francesca Cò, ideatrice della nuova società e direttore tecnico – quando la Presidente della Pallavolo Lumezzane, Stefania Forcella, mi contattò per una disponibilità ad allenare Lumezzane. Rifiutai ma da qui iniziarono i contatti perché sia Gardone che Lumezzane non avevano atlete Under18 sufficienti per formare una squadra; proposi l’unione e nacque una squadra ValVolley”. Erano gli albori di una collaborazione che si è rivelata foriera di prospettive. C’è sempre stata una sorta di rivalità tra Gardone e Lumezzane ma poi “scopri, collaborando, che in fondo – spiega ancora Cò – su tante cose la si vedeva allo stesso modo. In più in quell’anno le Under 16 gardonesi vincono il campionato e salgono di categoria in Seconda Divisione. Non così le valgobbine che perdono il campionato e retrocedono. Ecco che allora per la stagione successiva facciamo anche una squadra unita per la nuova categoria”. La riflessione di unire due realtà spinge anche verso la competitività. La squadra ValVolley diviene quella con mire di successo sportivo rispetto alle altre squadre che restano targate Lumezzane o Gardone in cui vanno le ragazze che amano il gioco della pallavolo. Tra successi e classifiche il percorso offriva molti risvolti positivi e la proposta si è allargata anche a Villa Carcina con il coinvolgimento dei più piccoli.

Limite. In concreto, stante le normative sportive, per riuscire a spostare però atlete tra le diverse società è complicato, in più ha un limite massimo di operazioni possibili e questo generava una serie di difficoltà gestionali. Ecco allora l’idea di Francesca Cò, accettata di buon grado dalle tre società coinvolte, di fondersi in un’unica realtà, chiamata ValVolley che copra tutto il bacino della Valtrompia e che si presenti con sfaccettature, società e collocazione territoriale differenti e nuovo consiglio direttivo con membri eletti (2 per ogni società iniziale) a cui si aggiunge il direttore tecnico. Il via ufficiale sarà dalla prossima stagione. Resta la centralità di Gardone perché è l’unica che ha il diritto della Serie C, mentre la Prima Divisione sarà a Lumezzane e la Seconda a Villa Carcina. “Per sintetizzare abbiamo 3 minivolley, 3 Under12, 3 Under13, 1 Under 14, 1 Under 15, 2 Under 17, 1 Under 19, Seconda Divisione, Prima Divisione e Serie C per un totale di 250 atlete e una trentina di dirigenti”. Non va dimenticato che Francesca Cò da due anni è selezionatore provinciale per la Federazione e “tante cose mi sono venute in mente anche grazie a questo”. E a chi le chiede perché non siede sulla panchina della squadra di C risponde che a lei piace lavorare con la giovanile e non con atlete evolute; certo resta il sogno “di allenare la nostra Serie C fatta da Under18”.

MAURO TONINELLI 17 lug 14:05