lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 09 ott 11:40

L'Africa al cinema

Torna l’appuntamento con “Cinema Africa”. La 14ª edizione, ospitata nel Cinema teatro di Borgo Trento in via Filzi, 3 a Brescia, è organizzata dalle Acli di Cristo Re, dall’associazione “Kamenge e dintorni” e dal circolo cooperativo Acli “Ernesto Mancini”. La rassegna prenderà il via lunedì 12 ottobre alle 20.45 con “Samba Traorè” di Idrissa Ouèdraogo. Due uomini rapinano un benzinaio di Ouagadougou. Uno viene ucciso, l’altro, Samba, fugge con i soldi. Tornato al villaggio, Samba comincia una nuova esistenza tra lo stupore dei vecchi amici: costruisce una casa in muratura, si sposa, la consorte attende un figlio. Regala anche una mandria al villaggio. Ma un imprevisto rivela un giorno la fragilità di questo benessere costruito senza alcuna fatica... Una “favola morale” valida per tutti i popoli. Il secondo appuntamento, in calendario per lunedì 19 ottobre alle 20.45, è invece con “Guelwaar”, regia di Sembène Ousmane. Un importante difensore dell’Africa incorrotta e libera è stato ucciso, ma, per un errore amministrativo, il suo cadavere, pur essendo egli cattolico, è stato sepolto nel cimitero mussulmano. La disputa che scoppia tra i due gruppi religiosi e che sottolinea l’importanza ancora considerevole del rito, consente al regista di denunciare un’Africa che venera i doni dei benefattori stranieri col rischio di ritrovarsi nello stato di mendicante. La terza e ultima proiezione è prevista per lunedì 26 ottobre alle 20.45 con “Faat Kiné” del regista Sembène Ousmane. Faat-Kiné ha subìto, prima come figlia, poi come moglie, tutte le umiliazioni e le sofferenze possibili. Sua madre porta sul corpo un’orribile bruciatura, segno della collera del marito. Da sola, con la madre e due figli sulle spalle, Faat-Kiné si batte fino a raggiungere una posizione sociale invidiabile: una villa nei quartieri alti, un distributore di benzina da gestire. Ha imparato a conoscere il potere del denaro e l’autonomia che ne consegue. Alla festa di laurea del suo primogenito si affacciano, come clandestini, i suoi due ex-mariti.

REDAZIONE 09 ott 11:40