lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di REDAZIONE 04 set 09:19

L'Arici tra umanesimo e tradizione

L’Istituto C. Arici trova la sua mission a servizio della Chiesa e della città di Brescia in due riferimenti precisi: da una parte l’umanesimo cristiano e dall’altra la diocesanità. Con “umanesimo cristiano” si vuole mostrare come l’esperienza cristiana sia generatrice di una cultura capace di salvaguardare e esaltare tutto dell’umano, perché Gesù, rivelando Dio Padre, rivela anche l’uomo all’uomo.

Curriculum. Per questo, si vuole giungere alla ritrascrizione anche del curriculum scolastico, dalla primaria alla secondaria di primo grado e al liceo, attraverso un dialogo fecondo e continuo delle discipline (pensiamo come primo passaggio a italiano, storia, musica, religione, arte, filosofia).

Il legame con la Chiesa. E poi, con “diocesanità” si vuole esaltare il legame con la Chiesa e il territorio di Brescia, imparando scoprire e a valorizzare le bellezze della città per nutrirsi della cultura che ci è offerta. Per questo l’Arici ha già stabilito un legame forte con il Museo Diocesano e la Scuola di Musica Santa Cecilia di Brescia.

Aule decentrate. Proprio in questi luoghi verranno messe a disposizione delle vere e proprie aule decentrate. L’ambiente diventa così elemento portante della lezione, perché è esso stesso oggetto e strumento culturale. Allo stesso modo la scuola non è più solo un luogo di istruzione, bensì un laboratorio di ricerca permanente nella creazione di idee: tradizione, innovazione e contemporaneità.

Tradizione didattica. Questa prospettiva amplia la tradizionale didattica, aprendo sistematicamente al rapporto col territorio; fa riscoprire e rivalutare il concetto di comunità, luogo privilegiato per la formazione dello studente nel suo diventare uomo e cittadino promuovendo la sua partecipazione diretta.

Il protagonismo. Il protagonismo dei ragazzi e il loro coinvolgimento sono un esercizio di cittadinanza attiva, anche in vista dell’introduzione dell’educazione civica come materia curricolare, a partire dal prossimo anno scolastico.

(*Preside dell’Istituto Arici)

REDAZIONE 04 set 09:19