lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di VITTORIO BERTONI 09 giu 09:46

L'hub più forte grazie al Rotary

Grazie all’accordo siglato tra l'Asst Spedali Civili e il Distretto 2050 del Rotary International si rafforza la presenza di personale sanitario volontario presso l’Hub vaccinale del Centro Fiera di Brescia. Nel territorio del Distretto Rotary è nato un service di supporto agli Hub vaccinali che prevede l'impiego di sanitari e di volontari rotariani, a testimonianza dell’impegno del Rotary a tutela e a promozione della salute. Un volontariato qualificato e strutturato che aggiunge valore ai tanti service che i 3.000 soci dei 75 club del Distretto promuovono anche in campo sanitario donando il proprio tempo, contribuendo all’acquisto di apparecchiature e strumentazioni cliniche e finanziando borse di studio e dottorati di ricerca. “Abbiamo aderito - afferma il governatore, Ugo Nichetti - nel pieno assolvimento dei nostri compiti associativi. Il Rotary, attraverso i propri soci, mette a disposizione qualificate professionalità e competenze che in forma volontaria e gratuita si rendono disponibili a prestare il proprio servizio finalizzato all’attuazione del piano di somministrazione dei vaccini nell’ambito del più ampio progetto 'We Stop Covid'. L’appartenenza al Rotary significa mettere al servizio degli altri la propria capacità professionale ricordando che il motto della nostra associazione è 'Servire al di sopra di ogni interesse personale'. I rotariani e rotaractiani appartenenti al corpo sanitario, o come volontari, hanno dato un senso compiuto a queste parole mettendosi a disposizione dei centri che operano sul territorio del Distretto 2050 sostenendo con la loro attività le linee vaccinali per dire con i fatti 'We Stop Covid'”.

La presenza dei sanitari del Rotary, prevista fino alla conclusione della campagna vaccinale massiva, cioè fino al 31 agosto 2021, garantisce la copertura di un turno di 6 ore, una volta alla settimana, all’interno di una linea vaccinale attiva presso i Centri: il personale medico provvede ad effettuare l’anamnesi e il personale infermieristico all’inoculazione del vaccino. “La sinergia tra istituzioni e associazioni del nostro territorio – dichiara il direttore generale di Asst, Massimo Lombardo – è sicuramente una delle chiavi di volta per affrontare questa emergenza sanitaria e per poter impostare il ritorno alla normalità. In questo senso il supporto messo in campo dal Distretto 2050 del Rotary è perfettamente coerente con tale impostazione; è altresì meritevole perché darà un contributo prezioso alla risoluzione dell’emergenza sanitaria che ha colpito così duramente anche il territorio bresciano. L’Asst Spedali Civili di Brescia esprime pertanto un sentimento di gratitudine per l’iniziativa del Rotary”.

VITTORIO BERTONI 09 giu 09:46