lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di VITTORIO BERTONI 17 dic 14:37

La carezza di Natale del Rotary

Natale è festa, luci, calore, sorrisi. È il periodo dell’anno nel quale coloro che vivono la difficoltà economica sentono in modo particolare la sensazione di abbandono e solitudine. Da sempre i Rotary Club Bresciani hanno voluto porgere una carezza a coloro che vivono il disagio sociale, con iniziative che, pur nella consapevolezza di non poter risolvere le difficoltà di tutti, hanno la finalità di segnalare che il Rotary anche per loro c’è, che sa, che prova ad aiutare, anche se in piccola parte. Che è pronto ad agire, che crea opportunità. Gli scorsi anni tra le numerose iniziative natalizie, cui i rotariani partecipavano attivamente, facevano spicco il “Banco Alimentare” e “Ti invito a cena” – dona una cena stellata per il Natale”, per offrire un momento di convivialità natalizia a tavola, insieme alle tante persone sole e disagiate della città.

Quest’anno, connotato da distanziamento sociale, avrebbe potuto frenare la possibilità di condivisione, ma nulla ha potuto contro la ferma volontà del Rotary di aiutare e far sentire il calore del Natale. Grazie all’iniziativa di Elisabetta Ceretti, presidente del RC Brescia Castello, è nato un service che ha coinvolto anche il Brescia Veronica Gambara ed il Brescia Vittoria Alata, mirando ad un duplice obiettivo: regalare ai bisognosi che fanno riferimento alla Caritas Diocesana ed all’Associazione Banco di Solidarietà, dei lunch box con alimenti vari, e shopper con generi di prima necessità, da consegnare il 21 e 22 dicembre e sostenere i ristoratori aderenti all’iniziativa, concordando con una modica cifra, la preparazione di contenitori con pasti natalizi completi da associare agli alimenti posti nei lunch box omaggiati.

L’iniziativa è stata ampiamente pubblicizzata sui social media per informare la cittadinanza, grazie al link www.ruotaunpasto.it al fine di stimolare donazioni e partecipazione al service.

La risposta è stata importante: hanno aderito non solo ristoratori, ma anche numerosi sponsor alimentari.

VITTORIO BERTONI 17 dic 14:37